Omicidio via Condotta a Firenze, identificati i killer

Gli inquirenti sono vicini a catturare i killer di via della Condotta a Firenze

FIRENZE – Gli inquirenti sono vicini ai killer che ieri hanno ucciso a Firenze il 33enne georgiano Nodar Lomazde, ferendo gravemente lo zio, Avtandli Kervalishdli, 55 anni, ancora ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Careggi per le ferite riportate all’addome. Le telecamere di sorveglianza di alcuni negozi di via Condotta hanno ripreso due giovani che uscivano dal portone dello stabile in cui è avvenuta la mattanza, consumatasi a colpi di coltello. Le vittime e gli aggressori si conoscevano. Uno dei due presunti killer ha perso una scarpa durante la fuga per le vie del centro, e successivamente la polizia ha anche ritrovato i pantaloni insanguinati di uno degli aggressori, che è rimasto ferito a sua volta durante la colluttazione.

Potrebbe esserci una lite per la spartizione della refurtiva di alcuni colpi in appartamenti dietro l’omicidio ed il ferimento. La vittima, Nodar Lomadze, era nota alle forze dell’ordine con vari alias. L’uomo era stato arrestato il 13 gennaio 2013 a Firenze dai carabinieri per tentato furto in un negozio e per aver fornito false generalità ed era stato scarcerato nel giugno scorso. Nell’abitazione la polizia ha recuperato uno dei due coltelli usati per l’omicidio, che i due assassini, poi visti fuggire in strada, avrebbero preso da un cassetto della cucina. Si sarebbero accaniti prima contro il trentatreenne, poi avrebbero ferito l’altro uomo che tentava di difenderlo. Al momento dell’aggressione erano presenti nell’abitazione la moglie del ferito, georgiana di 53 anni, e la nipote, connazionale di 45 anni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.