Mafia: tenuta confiscata nel senese, proteste in Toscana

La tenuta di Suvignano nel senese che verrà messa all'asta dopo essere stata confiscata alla mafia
La tenuta di Suvignano nel senese che verrà messa all’asta dopo essere stata confiscata alla mafia

SIENA – Proteste in Toscana per la decisione di mettere all’asta la tenuta di Suvignano, a Monteroni d’Arbia, confiscata alla mafia e valutata circa 22 milioni di euro.

«Siamo rammaricati –afferma il sindaco Jacopo Armini– per la scelta dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione dei beni sequestrati alla criminalità di vendere al miglior offerente la tenuta di Suvignano, ben 19 anni dopo il complesso percorso di confisca che era stato concretizzato».

«La messa in vendita della tenuta di Suvignano è un grave errore, che mortifica un progetto di valore e l’impegno di questo territorio per affermare la cultura della legalità -ha commentato del presidente della Provincia di Siena, Simone Bezzini– Mi auguro che la scelta di mettere all’asta Suvignano possa essere nuovamente scongiurata. Se così non fosse, verrebbe meno un’occasione di riscatto civico e sociale per dare una nuova vita alla tenuta, a cui le istituzioni e le associazioni in prima linea, Arci e Libera, credevano e credono ancora tenacemente».

«Chiederò con una interrogazione urgente al Ministro dell’interno di fare chiarezza sulla scelta dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata, di vendere al miglior offerente la tenuta di Suvignano -assicura Federico Gelli, deputato del Pd e componente dell’ufficio di Presidenza della Fondazione Caponnetto- In questo modo si rischia di far tornare questo bene in mani criminali».

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.