Sentiti il Presidente e il Direttore Generale della Regione come persone informate sui fatti

LA REGIONE TOSCANA E L’ALTA VELOCITA’

di Paolo Padoin - - Cronaca, Lente d'Ingrandimento

Monnalisa, la talpa finita nel mirino della Magistratura

Monnalisa, la talpa adesso inoperosa

Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi è stato ascoltato, come persona informata dei fatti, dai pubblici ministeri Giulio Monferini e Gianni Tei, titolari dell’inchiesta sulla Tav, nell’ambito della quale era stata arrestata l’ex presidente della Regione Umbria e di Italferr, Mariarita Lorenzetti. I magistrati, secondo quanto si apprende, hanno ascoltato anche il direttore generale della Regione Toscana Antonio David Barretta.

Non si sono fatti attendere i commenti e gli interventi dei rappresentanti dell’opposizione. “’Sulla vicenda Tav e la sostituzione del dirigente alla valutazione di impatto ambientale, l’architetto Fabio Zita, Rossi dovrebbe ammettere superficialità e buona fede, piuttosto che arrampicarsi sugli specchi inciampando in palesi contraddizioni. Perché altrimenti si rischia solo di alimentare dubbi sulla propria correttezza”. Lo afferma, in una nota, il capogruppo FdI in Consiglio regionale Giovanni Donzelli. ”Tra l’altro – aggiunge – il governatore Rossi ha anche testualmente dichiarato che Zita non è stato rimosso ma posto in un altro settore. A me sembra che in questa vicenda ad essere posto in un altro settore sia il buon governo, finito sotto i piedi”.

Critiche a Rossi arrivano anche dal parlamentare e coordinatore del Pdl toscano Massimo Parisi. ”E’ incredibile l’attitudine del presidente Rossi a scaricare sugli altri responsabilità – dice Parisi – L’ha fatto in passato, pensiamo al caso della Asl 1, e si ripete oggi ribadendo che la scelta di rimuovere il dirigente regionale dell’ufficio Via Fabio Zita è stata assunta dal direttore generale in totale autonomia. Decisione – aggiunge – che, secondo Rossi, rientrerebbe nel normale avvicendamento dei dirigenti per motivi organizzativi. Quali sarebbero questi motivi, tuttavia, non è dato sapere, visto che le delicate funzioni sino al luglio scorso affidate l’esperto architetto Zita furono assegnate a una dirigente priva di competenza specifica”.

Anche per i consiglieri regionali Udc Giuseppe Del Carlo e Marco Carraresi “si tratta di una vicenda grave che richiede la massima chiarezza. L’inchiesta Tav che ha portato all’arresto dell’ex presidente della Regione Umbria chiama in causa anche vicende, dirigenti e vertici regionali toscani. Non solo: è estremamente preoccupante il perdurare del blocco dei cantieri, che rischia di portare anche a un aumento spropositato di costi.” E chiedono che il presidente Rossi chiarisca ogni aspetto nella prossima seduta del Consiglio regionale.

“Non ho dubbi sulla buona fede del Presidente Rossi, come i giudici affermano leggendo gli stralci dei verbali pubblicati sui quotidiani”. Lo afferma Marco Ruggeri, capogruppo Pd in consiglio regionale,  che aggiunge: “Noto una frenesia, sia nell’opposizione di creare un caso, sia in quella parte di Toscana che è contraria alle grandi opere e che tenta di usare questa grave vicenda per sostenere la teoria del ‘fermiamo tutto’.

Resta il fatto che il dirigente regionale interessato, intervistato da giornali e tv, ha espresso rammarico, ma anche forti dubbi in merito ai motivi del suo trasferimento ad altro incarico. Di questo trasferimento finora è stata fornita una sola, vaga giustificazione: normale avvicendamento tra dirigenti. Il Presidente e il Direttore Generale avranno senz’altro agito in buona fede, come rileva anche il Gip nella sua ordinanza. Lo stesso magistrato osserva però che in tal modo sono stati involontariamente favoriti gli interessi degli indagati.

Intanto l’opera è per ora bloccata e regione, stazioni appaltanti e ferrovie dovranno fornire le necessarie spiegazioni e chiarimenti, anche a livello politico, prima che i lavori vengano ripresi.

 

Tag:,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: