Istat, aumentano i single e raddoppiano separazioni e divorzi

Censimento Istat

FIRENZE – Famiglie in aumento ma sempre più piccole, una su tre è composta da una sola persona, boom di separazioni e divorzi, raddoppiati in dieci anni, e crescita vertiginosa tra gli stranieri di rumeni, moldavi e ucraini. E’ la fotografia scattata dall’Istat che ha reso noti i dati definitivi del 15esimo Censimento generale sulla popolazione.

Separazioni. Separati e divorziati in aumento nel 2011: il numero di addii è raddoppiato rispetto al 2001 passando da 1.530.543 a 2.658.943. Un separato o divorziato su due ha un’età compresa tra i 35 e i 54 anni.

Al 9 ottobre 2011 si contano 4.632.226 vedovi, in lieve aumento rispetto alla data di riferimento del censimento 2001. Sei vedovi su dieci sono ultrasettantacinquenni, quanto al sesso si tratta di donne nell’82,4% dei casi.

Le famiglie. Dal 1971 ad oggi il numero di nuclei familiari è aumentato del 54% ma i componenti si sono mediamente ridotti passando dal 3,3 al 2,4. A causa del progressivo invecchiamento della popolazione e dei mutamenti demografici e sociali almeno 1 su 3 sono composte da 1 persona soltanto, il 31,2% delle famiglie totali, circa 7.667.305 persone. Vive in famiglia ormai la quasi totalità della popolazione residente in Italia al 9 ottobre 2011 (99,5%) con una crescita del numero di nuclei, dal 2001 al 2011, del 12,8% passati da 21.810.676 a 24.611.766 unità mentre appena lo 0,5% risulta vivere in convivenza (istituti assistenziali, ospizi, istituti di cura, eccetera).

Gli stranieri. Oltre la metà degli stranieri che vivono in Italia proviene dall’Unione europea, che totalizza il 27,5% della presenza straniera sul territorio nostrano, mentre uno straniero su 4 arriva dai paesi dell’Europa centro-orientale. Seguono il continente africano (21%), in particolare il Nord Africa (14,4%), mentre gli stranieri provenienti dai paesi asiatici costituiscono circa il 18% del totale. Gli americani, quasi esclusivamente centro-meridionali, registrano una presenza pari all’8,2%.

Gli aumenti più consistenti in valore assoluto si registrano tra i rumeni che passano da 74.885 a 823.100, seguiti da quelli albanesi, marocchini e cinesi, complessivamente circa 650mila in più. Gli incrementi percentuali più consistenti sono invece quelli che si registrano per le persone provenienti dalla Moldavia, che da poco più di 4 mila stranieri censiti nel 2001 passa agli oltre 130 mila del 2011, e dall’Ucraina, che da 8.647 residenti del 2001 raggiunge, nel corso del decennio, quasi 180 mila residenti.

Il 41,7% degli stranieri, 4 su dieci hanno un’età compresa tra 20 e 39 anni (42,7%). Gli under 19 costituiscono il 25,5% del totale, con una punta massima del 33,7% fra i residenti provenienti dall’africa settentrionale così come gli stranieri provenienti dall’Asia (28,6%). Al contrario, quelli di origine europea e latino-americana, che hanno una struttura per età pressoché analoga, sono più presenti nelle classi adulte.

I cittadini italiani per acquisizione ammontano a 671 mila; rispetto al 2001 sono il 135% in più. I due terzi degli acquisiti sono donne, mentre quattro su dieci (42,4%) hanno un’età compresa tra 35 e 54 anni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.