Il Livorno ferma la corsa del Napoli (1-1)

Di Carlo ha conquistato un punto con il Napoli
Di Carlo ha conquistato un punto con il Napoli

LIVORNO. Il Livorno ferma il Napoli (1-1) e aggancia il Chievo al terzultimo posto della classifica. Il risultato maturato al Picchi è giusto: a un grande primo tempo della squadra di Benitez, la formazione di Di Carlo ha risposto con una ripresa tutta sostanza. E poi il gol del vantaggio dei campani è arrivato grazie a un rigore quanto meno dubbio conuquistato da Pandev e trasformato da Martens.

MONOLOGO. L’inizio della partita è un monolgo del Napoli che sfiora il gol già al 10′. Preoccupatissimo per lo sfodamento a centro area di Hamsik, Mbaye sfiora il clamoroso autogol con un maldestro tocco all’indietro che colpisce la parte alta della sua traversa. Poi è Martens a impegnare due volte Bardi con altrettanti tiri dal limite.

VANTAGGIO. Ma per passare agli azzurri serve un discusso rigore. Il direttore di gara Mazzoleni indovina un contatto in area amaranto tra Ceccherini e Pandev: senza il rigorista Higuain squalificato, sul dischetto va Martens e non sbaglia. Sembra il preludio a una goleada degli azzurri.

REAZIONE. Invece, dopo essersi difeso per tutto il tempo, il Livorno trova la zampata del pareggio. Al 39 Mesbah sfonda sulla sinistra e mette in mezzo: Mbaye devia, Reina in un primo momento respinge ma la palla rimane lì e il portiere con il corpo finisce per accompagnarla nella propria rete. E’ l’1-1 su cui cala il sipario del primo tempo tra gli applausi dei tifosi del Picchi.

PAULINHO. E il Livorno, galvanizzato dal pareggio ottenuto in chiusura di primo tempo, inizia la ripresa con un altro piglio. Al 14′ Paulinho, nell’unica occasione del match in cui si fa vedere, calcia a colpo sicuro in piena area ma Reina si riascatta sfoderando un grande intervento.

STANCHEZZA. Nonostante Mertens, di gran lunga il migliore dei suoi, sfiori ancora il gol con un destro a rientrare che finisce a lato di un niente, Benitez capisce che al Napoli servono forze fresche e nell’ultimo quarto d’ora manda in campo Insigne e Zapata che rilevano gli spenti Pandev e Hamsik. Ma le tossine per il match di Europa League giocato giovedì sera contro lo Swansea si fanno sentire e Bardi non rischia praticamente più se si eccettua un errore a porta vuota al 44′ di Zapata su splendido assist del solito Mertens. Il Livorno conquista così un punto che muove la classifica, mentre i partenopei si mangiano le mani per l’enneisma occasione sprecata di staccare la Fiorentina.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *