Montella:«La squadra sta crescendo». Guidolin: «Non volevo che Cuadrado andasse via»

Tifosi viola in festa per la vittoria e il vantaggio (5 punti) sull'Inter (Foto Riccardo Sanesi)
Tifosi viola in festa per la vittoria e il vantaggio (5 punti) sull’Inter (Foto Riccardo Sanesi)

FIRENZE – L’assedio del dopopartita ad Andrea Della Valle, soprattutto per sapere se ha già raggiunto l’accordo con l’Udinese sulla quotazione di Cuadrado (e a quale squadra sarà ceduto) va a vuoto. Il patron tira su un muro invalicabile: parlerà di mercato soltanto dopo la finale di Coppa Italia, quindi la notte fra il 3 e il 4 maggio. Intanto si sussurra che la Fiorentina abbia fatto un passo decisivo verso l’Atalanta per Bonaventura.

Di Cuadrado parla invece l’allenatore dell’Udinese,Francesco Guidolin: “Io lo  volevo tenere, ho sempre saputo che si tratta di un giocatore forte e decisivo. E’ un attaccante vero. Anche oggi l’ha dimostrato. L’Udinese?  Mancavano molti titolari (Di Natale, Pinzi… ndr) e i ragazzi hanno fatto quel che potevano.  Però con un pizzico di fortuna avremmo potuto pareggiare”.

Montella, invece,  su Cuadrado si esprime con ironia: “Se non avesse avuto la deviazione del difensore  non avrebbe segnato nemmeno un gol… No, non mi sembra il caso di parlare solo di lui. La squadra non mi è dispiaciuta. Non mi pento di aver fatto giocare Matos da”ll’inizio, il ragazzo st crescendo. Così come altri, per esempio Diakitè”.

Quibndi una valanga di domande sul futuro immediato, soprattutto sulla possibilità di recuperare i giocatori più attesi (Pepito Rossi e Mario Gomez) in vista della finale di Coppa Italia. Risposta: silenzio assoluto. Significa che Montella è già concentrato su un finale di stagione frizzantissimo per la Fiorentina.  Intanto il quarto posto (5 punti davanti all’Inter) è consolidato. Il resto

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.