Pedofilia: in Toscana 182 abusi sessuali sui minori nel 2012

Monitoraggio della pedofilia online da parte della Polposta
Monitoraggio della pedofilia online da parte della Polposta

FIRENZE – Abusi sessuali verso i minori: in Toscana sono stati segnalati 182 casi nel 2012, di cui  il 60% subiti all’interno della famiglia. In vista della giornata nazionale contro la pedofilia e la pedopornografia, che si celebrerà lunedì 5 maggio, questi sono i nuovi dati che riguardano la nostra regione.

A certificare i numeri è il rapporto del Centro di documentazione infanzia e adolescenza della Regione Toscana, redatto in collaborazione con l’Istituto degli Innocenti di Firenze, a cui ha fatto riferimento Grazia Sestini, Garante per l’infanzia e l’adolescenza della Regione Toscana. Le vittime, si spiega in una nota, sono seguite dai servizi socio-sanitari in collaborazione con l’autorità giudiziaria.

Secondo la Garante, la pedofilia assume numerosi volti, ma di solito quello del carnefice è il volto di un parente, un amico di famiglia, un vicino di casa, uno che per lavoro sta a contatto con i ragazzi.

Un altro fronte è quello della pedopornografia online che, ha spiegato Grazia Sestini, conosce un costante aumento, a giudicare dagli interventi della polizia postale. Il fenomeno è anche il più difficile da quantificare perché l’orco è nascosto dietro l’anonimato della rete e perché sfrutta la buona fede di chi usa i social network per condividere le fotografie.

La raccomandazione per i genitori è sempre quella di non postare sui social network foto di bimbi piccoli, e di controllare con chi sono in contatto quelli più grandi. Ai ragazzi va fatto capire che non tutti, nella rete, sono amici.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.