Scudi di San Martino: premio alla memoria per Massimo Barlacchi che morì in mare per salvare un bambino

Scudi di San Martino, presentata la 31° edizione
Scudi di San Martino, presentata la 31° edizione

FIRENZE – Nuova edizione degli «Scudi di San Martino» che  quest’ann0 si terrà Sabato 6 dicembre nel Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio.  Un prestigioso evento, giunto alla sua 31° edizione che anche quest’anno vedrà la consegna degli Scudi in Argento, in Bronzo ed i Diplomi di Benemerenza a persone ed enti che si sono distinti in atti di solidarietà umana ed eroismi.

L’edizione 2014 è stata presentata questa mattina in una conferenza stampa in sala Montanelli, alla quale hanno preso parte il consigliere Eugenio Giani ed il Presidente dell’istituto Scudi di San Martino Roberto Lupi.

«L’emozione è ogni anno più grande – sottolinea il presidente Lupi – Sono numerose le segnalazioni giunte quest’anno all’istituto, riguardanti persone che si sono rese protagoniste di gesti encomiabili. Il compito della commissione giudicatrice è stato molto impegnativo».

Quest’anno gli insigniti sono: Massimo Barlacchi, scudo in argento alla memoria, che pur sapendo di soffrire di una grave malattia cardiaca non ha esitato a gettarsi in acqua per tentare di salvare la vita di un bambino che stava annegando; Sylvia Eibil dell’Associazione Umanitaria Children First Onlus che opera a favore dei diritti  e del miglioramento delle condizioni di vita dei bambini poveri, abbandonati e maltrattati di molti paesi: dottor Felice Apicella, medico ospedaliero, chirurgo generale e toracico, da poco in pensione, che a titolo personale è presente in numerose missioni nei paesi sottosviluppati ed attualmente impegnato in Sierra Leone.

La cerimonia sarà accompagnata dai brani di repertorio eseguito dalla Banda del Corpo Militare della C.R.I. della Toscana diretta dal maestro Sottotenente Mauro Rosi.

Quest’anno, inoltre, il calco originale dell’istituto realizzato 31 anni nella storica Bottega di Brandimarte, sarà consegnato agli Allievi della Guardia di Finanza dell’Aquila che lo custodiranno in segno di continuità.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.