Toscana: a giugno l’olio d’oliva sarà finito. L’allarme di Coldiretti: attenti alla contraffazione

Raccolta delle olive quasi inesistente: ha vinto la mosca
Raccolta delle olive quasi inesistente: ha vinto la mosca

FIRENZE – Annuncio ferale: la Toscana ha finito l’olio. Nella terra simbolo dell’extravergine di qualità, le riserve potrebbero essere già finite tra sei mesi. Più o meno, ad occhio e croce, tra giungo e luglio. E’ quanto rivela Coldiretti Toscana sulla base della stima fornita da Unaprol-Consorzio Olivicolo Italiano secondo cui quest’anno ogni consumatore potrà contare solo su 3,25 litri di vero extra vergine italiano. Meno della metà del consumo pro-capite di olio extravergine stimato in 7 litri all’anno. La mosca dell’olivo è stata devastante.
“Con il crollo dei raccolti aumenta il rischio di portare in tavola prodotti spacciati per Made in Italy ma provenienti dall’estero, spesso di bassa qualità – analizza Tulio Marcelli, presidente Coldiretti Toscana – il consiglio è quello di verificare con attenzione l’origine in etichetta, almeno su quei prodotti come l’olio, il miele e gli agrumi freschi dove è in vigore l’obbligo di indicare la provenienza. Oppure di rivolgersi direttamente ai produttori nelle aziende agricole, negli agriturismi o nei mercati di campagna amica”.

One comment

  1. Non credo che a giugno finirà l’olio extravergine di oliva Italiano, le quotazioni sono sostenute e i produttori attendono per attuare speculazioni.
    Tuttavia l’olio extravergine sarà presente sullo scaffale ma a quale prezzo? Ed in quale fascia di mercato?
    La paura è che nei supermercati della gdo rimanga solo l’olio europeo e per trovare l’olio italiano bisognerebbe rivolgersi in enoteca o in un frantoio che imbottiglia il proprio olio extravergine.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.