Livorno, funerali delle vittime: scoppia la polemica vescovo – sindaco

LIVORNO – Era il giorno delle esequie a Livorno, per 7 delle 8 vittime del nubifragio che la notte di domenica scorsa ha devastato la città. Alla fine è scoppiata una polemica tra il vescovo, mons. Simone Giusti e il sindaco Filippo Nogarin.
«Non serve perdersi nelle polemiche, non fanno resuscitare le persone. Cambiamo i protocolli, vediamo di modificare ciò che c’è da modificare e fare ciò che si deve fare perché quello che è accaduto non accada più: ci sarà bisogno di un sistema di allarme per avvisare la gente», ha detto il vescovo ai
giornalisti fuori dal Duomo dove poi ha officiato i funerali
della famiglia Ramacciotti, aggiungendo. «Ma alla domanda: sono stati cambiati? Si è fatta subito una riunione di giunta per cambiare queste cose? Si sono fatte subito delle delibere? Altrimenti si fanno chiacchiere e la gente continua a morire».
Frasi che non sono piaciute a Nogarin: «Il vescovo deve fare il vescovo e occuparsi delle anime delle persone – ha detto, interpellato sempre fuori dal Duomo -. Invece si occupa di cose che non sono di sua competenza. Noi abbiamo fatto tantissime cose da tre giorni a questa parte. Stiamo tenendo in piedi concretamente una macchina di emergenza che ha ricevuto i complimenti dei vertici nazionali della protezione civile. Non mi sembra che possa recriminare qualcosa a me o alla giunta. Rimando al mittente questo comportamento che per certi versi mi lascia perplesso».
Un lungo applauso ha invece accompagnato l’uscita dal Duomo dei feretri delle quattro vittime della famiglia Ramacciotti, Roberto, 65 anni, il figlio Simone, 37, la moglie di quest’ultimo Glenda, 35 e il loro figlio Filippo, 4 anni, uccisi dalle acque del Rio Maggiore che hanno invaso la loro casa.
Tanta gente, in chiesa e fuori, tra cui Nogarin con la giunta al completo, col vescovo che nell’omelia ha puntato il dito contro la burocrazia con le sue terribili leggi inerziali: se non cede il passo a pronti interventi di riassetto idrologico del
nostro territorio potremo presto rivedere un alba piangente come quella del 10 settembre.
Sempre oggi a Livorno si sono svolti i funerali di Martina Bechini, 34 anni, Raimondo Frattali, 70, Roberto Vetusti, 74. Domani invece le esequie dell’ottava vittima, Giampaolo Tampucci, 67 anni: il suo corpo è stato ritrovato ieri.
E oggi il Papa ha espresso la sua spirituale vicinanza a quanti soffrono a causa dell’alluvione di Livorno. Preghiamo
per i morti, i feriti, per i rispettivi familiari e per quanti sono nella prova.
Intanto, mentre la giornata è stata scandita anche da comunicati sugli avvisi meteo tra sabato e domenica inviati
dalla Regione – in tutto 13 – e su cosa ha fatto la protezione civile di Livorno – che ha evidenziato come il Lamma avesse
previsto il nubifragio per domenica mattina, non la notte – in città si è continuato a lavorare per cercare di tornare alla
normalità. Il governatore Enrico Rossi, tornato a Livorno per un incontro, ha spiegato che oggi abbiamo formalizzato la
richiesta dello stato di emergenza e nelle prossime ore chiederemo al Governo un ristoro di circa 180 milioni di euro.

Leave a Reply Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *