Commercio: sciopero dei lavoratori per il rinnovo del contratto. Presidio davanti a Legacoop

FIRENZE – Sciopero per l”intera giornata dei lavoratori del commercio in Toscana, con presidi in tutta la regione promossi da Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil. Scopo principale dell”iniziativa, chiedere il rinnovo del contratto collettivo nazionale scaduto da oltre 4 anni, oltre a rinnovare la richiesta di chiusura dei centri commerciali per le  domeniche e i festivi.
A Firenze i manifestanti sono scesi in piazza con bandiere e striscioni, dando vita a presidi davanti alla sede di Legacoop Toscana, e dei punti vendita di Rinascente e Zara in piazza  della Repubblica. Presidi dei sindacati anche davanti alla sede di Unicoop Tirreno a Vignale Riotorto, all”Ikea di Pisa, e ad altri punti vendita della distribuzione organizzata.

Buona adesione all’agitazione con punte alte, molti lavoratori ai presìdi in tutta la toscana (centinaia di persone a Vignale Riotorto davanti alla sede di Unicoop Tirreno e nelle altre iniziative in tutta la regione), alcuni negozi e molti reparti a servizio chiusi: la Filcams Cgil Toscana, che per oggi con Fisascat Cisl e Uiltucs ha indetto uno sciopero dell’intero turno di lavoro nel commercio (Grande Distribuzione e Distribuzione Cooperativa) per il rinnovo del Contratto nazionale, ritiene questi “risultati positivi anche alla luce delle forti pressioni a non scioperare messe in atto dalle aziende. Dalla Toscana parte un messaggio forte: i lavoratori si mobilitano per avere un contratto migliore e chiedono alle associazioni datoriali senso di responsabilità, non si può guadagnare recuperando solo dal costo del lavoro”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *