Brunello di Montalcino: via alla Fondazione. Sul modello bancario

Il Brunello di Montalcino vino di grande pregio

MONTALCINO (SIENA) – Hanno pensato di istituirla, la Fondazione del vino Brunello di Montalcino, sul modello di quelle bancarie. Con l’obiettivo di finanziare progetti di crescita e sviluppo territoriale e di interesse sociale del territorio di Montalcino (Siena): dal turismo al recupero e restauro di beni artistici e culturali ma anche nel campo dell’integrazione. La Fondazione territoriale Brunello di Montalcino, questa la denominazione, la cui creazione è stato approvata nel 2016 dal Consorzio del Brunello, oggi, 20 gennaio, ha cominciato ufficialmente la sua attività, con la sua presentazione a Montalcino.

A volerla gli stessi produttori del territorio, i cui contributi volontari costituiranno una base importante delle risorse da destinare ai vari progetti: la missione è quella di reinvestire sul territorio parte dei profitti ottenuti dalla produzione e dalla vendita del Brunello. Come sottolineato dal suo presidente, Fabrizio Bindocci,  è un traguardo veramente importante perché consente di contribuire fattivamente alla crescita del sistema montalcinese. Ci sarà un comitato tecnico-scientifico di cui faranno parte personaggi di rilievo, non solo di Montalcino, che avrà il preciso compito di esaminare i progetti, che siano fattibili e di interesse, per poter gestire i fondi in modo oculato.  La Fondazione, pur essendo espressione del Consorzio, avrà una gestione autonoma e soprattutto sarà aperta a partecipazioni e contributi esterni. Nel board anche il sindaco di Montalcino.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.