- Firenze Post - https://www.firenzepost.it -

I mali della giustizia: giudici amministrativi arrestati, l’accusa di corruzione in atti giudiziari

Scritto da Camillo Cipriani giovedì, 07 Febbraio 2019 18:44 @ 18:44 in Cronaca,Lente d'Ingrandimento,Politica | No Comments

Sempre più spesso, in ogni parte d’Italia, si scoprono vicende nelle quali magistrati, invece di amministrare la giustizia e tutelare la legalità, diventato protagonisti di atti criminiosi. Questa volta a Roma è stato scoperto addirittura un sistema corruttivo in cui giudici amministrativi si erano messi al servizio di privati in cambio di mazzette. Soldi dati e promessi per comprare sentenze e ottenere, in alcuni casi, cifre a sei zeri o elezioni ad un consiglio regionale.

E’ il quadro che emerge dalle carte della maxindagine della Procura di Roma su sentenze pilotate al Consiglio di Stato e che oggi ha vissuto una nuova accelerazione con quattro arresti. Ai domiciliari sono finti il giudice Nicola Russo, l’ex presidente del Consiglio di Giustizia Amministrativa della Sicilia Raffaele Maria De Lipsis, l’ex giudice della Corte dei Conti, Luigi Pietro Maria Caruso.

Il reato contestato a tutti è corruzione in atti giudiziari. In totale sono cinque gli episodi contestati dai magistrati di piazzale Clodio, coordinati dal procuratore aggiunto Paolo Ielo. In base agli accertamenti le mazzette messe a disposizioni dei giudici corrotti erano di 150 mila euro. Nella loro funzione di giudici – scrive il gip nell”ordinanza – “hanno posto a disposizione dei privati la loro funzione, contravvenendo ai doveri di imparzialità e terzietà e ricevendo in cambio un”utilità economica e ciò, indipendentemente dall”esito favorevole o sfavorevole delle decisioni assunte”. Tre episodi sono contestati al giudice del Consiglio di Stato (ora sospeso) Russo e due all”ex presidente del Consiglio di giustizia amministrativa della Sicilia, De Lipsis.

Esempi edificanti, ma attendiamo, prima di giudicare, il verdetto della magistratura romana. Nessuno è colpevole fino a sentenza definitiva. Questo principio vale per molti, spesso non vale per i politici che sono dalla parte sbagliata, ma vale anche, siamo garantisti, per gli stessi magistrati quando sono sottoposti a giudizio.


Articolo tratto da Firenze Post: https://www.firenzepost.it

Permalink: https://www.firenzepost.it/2019/02/07/i-mali-della-giustizia-giudici-amministrativi-arrestati-laccusa-di-corruzione-in-atti-giudiziari/

2013 Firenze Post