Bus incendiato: senegalese voleva protestare per la nave Mare Ionio.Esclusa finalità terrorismo

MILANO – Il caso della nave Mare Jonio è stato l’episodio scatenante, la goccia che ha fatto traboccare il mio vaso. E’ quanto avrebbe detto in sostanza, Ousseynou Sy, l’autista che ha dirottato un bus con 51 studenti e gli ha dato fuoco, nell’interrogatorio davanti al capo del pool dell’ antiterrorismo milanese Alberto Nobili e al pm Luca Poniz.
Voglio farla finita, vanno fermate le morti nel Mediterraneo. E’ quanto avrebbe detto Ousseynou Sy, 47enne senegalese di origine ma italiano dal 2004, che ha sequestrato un autobus di cui era alla guida a San Donato Milanese, con a bordo una cinquantina di studenti, e poi, dopo aver forzato un blocco, gli ha dato fuoco, minacciando di uccidersi.

La procura di Milano effettuerà anche una serie di verifiche per capire come l’uomo, con precedenti per violenza sessuale e guida in stato di ebbrezza, potesse svolgere l’attività di autista di bus. L’inchiesta è coordinata dal pm Luca Poniz e dal capo del pool dell’antiterrorismo Alberto Nobili.

Al momento Sy, che ha pronunciato frasi sconnesse nei confronti della politica di Salvini e Di Maio, risponde di sequestro di persona, strage, incendio e resistenza. E non è più al vaglio ma è stata contestata nei suoi confronti l’aggravante della finalità del terrorismo. Ousseynou Sy “ha ammesso la premeditazione cioe’ di aver ponderato da giorni” il gesto compiuto: lo ha spiegato in conferenza stampa il responsabile dell’antiterrorismo milanese Alberto Nobili. Non e’ legato all’Isis e a nessun genere di organizzazione terroristica di matrice islamica il 47enne, ha detto Nobili che ha spiegato che al momento la vicenda non va inquadrata nel “terrorismo islamico”.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.