Migranti: Ong Mediterranea contro direttiva Salvini, reagisce e ipotizza nuove denunce

ROMA –  Ovviamente la Ong mediterranea, la cui nave Mare Jonio incrocia davanti alla Libia a caccia di migranti da salvare e da portare a casa di Salvini, reagisce contro l’ultima direttiva del ministro: «Ieri il Viminale ci ha notificato la direttiva ‘ad navem’ destinata al nostro Comandante. Quanto sia singolare il provvedimento è sotto gli occhi». Lo ha detto Alessandra Sciurba, portavoce di Mediterranea della nave Mare Jonio, ripartita nei giorni scorsi per il salvataggio di profughi. «Stiamo capendo come rispondere con lo stile e il linguaggio che ci caratterizza in termini
legali rispetto a disposizioni che ci vengono comunicate. Questa direttiva del Viminale  sembra scritta da chi appartiene a un altro mondo, come se in Libia non ci fosse la guerra, come se lì non ci fossero condotte
illegali. Noi non abbiamo alcun problema a fare quello che abbiamo sempre fatto – dice – salvare in mare vite umane. Ci hanno detto anche di non reiterare condotte illegali, questo apre il campo alla verifica di profili diffamatori. Abbiamo appreso di essere in cima ai pensieri del Ministero dell’Interno, vorremmo che si occupasse di cosa accade in mare in questo momento». Dal loro punto di vista hanno ragione, visto che la magistratura assolve navi e Ong, mentre incrimina il ministro. Solo in Italia possono accadere certe cose.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.