Sottosegretario Siri indagato per corruzione. L’accusa: denaro per modificare norma

PALERMO – Nuova bufera sulla politica. Il sottosegretario ai Trasporti, il leghista Armando Siri, è indagato per corruzione dalla Procura di Roma nell’ambito di un’inchiestaÿnata a Palermo. Siri, attraverso un ex deputato di Forza Italia responsabile del programma della Lega sull’Ambiente, secondo l’accusa, avrebbe ricevuto denaro per modificare un norma da inserire nel Def 2018 che avrebbe favorito l’erogazione di contributi per le imprese che operano nelle energie rinnovabili. Norma mai approvata, però.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.