Firenze: basta tramvie, appello dei tassisti ai candidati sindaci

FIRENZE – «Accantonate il progetto di ulteriore sventramento della città per la costruzione di due nuove linee
tranviarie». E’ l’appello che, in una nota, rivolgono ai candidati  sindaco il presidente nazionale del sindacato Uritaxi, Claudio Giudici, e il presidente del 4390 Luca Tani, quest’ultimo in corsa per il consiglio comunale nella lista della Lega.

«Firenze è una città che ha un enorme necessità di liberare superficie. Per densità abitativa è il sesto capoluogo d’Italia. Se però consideriamo l’afflusso turistico ed il suo concentramento nel centro cittadino, probabilmente sale al primo posto di questa lassifica ed il già alto fabbisogno di superficie sale ancor più. Per capire quanto sia insensato sotto tale ottica il progetto Tramvia  basta raffrontare la superficie sottratta alla città, alla mobilità di auto, bus, moto, biciclette e pedoni, nonché quella sottratta al verde pubblico, rispetto a quella guadagnata dalla minor presenza di vetture grazie all’uso della tramvia. In base ad un calcolo più che prudenziale, le linee T1 e T2 della tramvia, lunghe 16,8 chilometri, sottraggono almeno 100 chilometri quadrati di superficie libera alla città,
ventiquattro ore su ventiquattro. Possiamo fare a tale valore una tara del 10% (ipotesi più che vantaggiosa per l’opzione tramviaria), alla luce dei nuovi sottopassi e ponti previsti per brevi tratti delle due linee, e dunque portare a 90 chilometri quadrati la superficie complessiva sottratta dalla tramvia in funzione».

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.