Governo: scontro sulla riforma della giustizia. Cdm comincia e viene sospeso

Luigi Di Maio, Matteo Salvini, Giuseppe Conte

ROMA – Non c’è stato il tempo per confrontarsi: sulla riforma della giustizia il governo si è spaccato. E’ stata sospesa quasi subito la riunione del Consiglio dei ministri. A quanto si apprende, il Cdm è iniziato perché c’era la necessità di impugnare alcune leggi regionali con urgenza ed è dunque stata deliberata l’impugnativa per dare mandato all’avvocatura dello Stato. La sospensione sembra invece legata alla necessità di sciogliere i nodi esistenti sulla riforma della giustizia. Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha avuto un colloquio con i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini prima dell’inizio del Consiglio dei ministri. Al centro dell’incontro, la riforma della Giustizia che è oggetto di scontro tra Lega e M5s.

«Sto sentendo troppi no dalla Lega – ha detto in mattinata Luigi Di Maio – mi auguro che arrivi qualche sì. E’ sicuramente una proposta che si deve approvare in Consiglio dei ministri e non vedo perché la Lega si debba opporre. Sono anni che si dice che si devono ridurre i tempi dei processi. Ci siamo, approviamola». La replica di Matteo Salvini: «Il ministro Bonafede ci mette pure la buona volontà – attacca Matteo Salvini – ma la sua cosiddetta riforma della giustizia è acqua. Serve una riforma vera, imponente, storica e decisiva. Questo testo non è quello che gli italiani si aspettano».

consiglio dei ministri, lega, M5S, riforma della giustizia, scontroi


Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
Scrivi al Direttore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080