Autostrada A26: chiusa per verifiche su 2 viadotti. Liguria praticamente isolata

GENOVA – Dalle 21,30 di stasera, 25 novembre, la Liguria risulta praticamente isolata dal punto di vista viario. La Direzione di Tronco di Genova di Autostrade per l’Italia comunica infatti che è chiusa al traffico in entrambe le direzioni la tratta dell’autostrada A26 compresa tra l’allacciamento con l’autostrada A10 e lo svincolo di Masone. Tale misura viene assunta per consentire l’esecuzione di verifiche tecniche sui viadotti Fado Nord e Pecetti Sud, presenti in tale tratta. La Direzione di Tronco condividerà i risultati di tali verifiche con gli enti competenti. Dopo il crollo del Ponte Morandi a Genova e del viadotto sulla Torino-Savona, ora percorrere la Liguria diventa davvero un problema.

In conseguenza di tale chiusura si consigliano i seguenti itinerari alternativi: Veicoli leggeri e autocarri fino a 7,5 ton
(esclusi autobus) Per la A26 dalla A10 uscire a Prà e proseguire fino a Masone tramite la SP 456 del Turchino.
Per la A10 dalla A26 effettuare il percorso inverso.

– Veicoli pesanti superiori a 7,5 ton e autobus Per la A26 dalla A10 utilizzare la A7. Predosa Bettole, dalla quale, con fermo temporaneo e progressivo deflusso, sara’ possibile procedere verso Genova lungo la A7. Potranno proseguire fino a Masone i soli mezzi pesanti con
destinazione di scarico o carico nella zona collegata a tale svincolo.

– Itinerari di lunga percorrenza. Per i collegamenti tra la A4, A26 e A21 verso la Toscana, utilizzare la A21 fino all’allacciamento con la A1 e da questa raggiungere Firenze o riprendere l’autostrada Tirrenica attraverso l’A15.