Firenze, Maggio Musicale: va in scena «Cenerentola» e apre la biglietteria temporanea alla stazione

Il teatrino-biglietteria del Maggio nella galleria commerciale della stazione di Santa Maria Novella

FIRENZE – Al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino dal 15 dicembre 2109 al 4 gennaio 2020 va in scena «Cenerentola», balletto in un atto su musiche di Sergej Prokof’ev, riletto in chiave contemporanea dal Nuovo BallettO di ToscanA; la coreografia porta la firma di Jiří Bubeniček, che firma anche regia, drammaturgia e scene. I costumi sono di Nadina Cojocaru. L’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino è diretta da Giuseppe La Malfa.

In questa nuova versione del balletto, Bubeniček ha scelto di seguire non la più popolare versione di Perrault, ma la riscrittura del racconto fatta nel 1800 dai Fratelli Grimm, sostituendo così gli elementi classici della favola con elementi più simbolici e metaforici, conservando però la trama e i personaggi che tutti conosciamo; Cenerentola è una ragazza che segue gli insegnamenti di sua madre: «sii gentile e coraggiosa con tutti e vedrai che i tuoi sogni si realizzeranno». Andrà al ballo solo per divertirsi senza sapere che là incontrerà il principe e che alla festa saprà tuttavia cogliere l’occasione che le si presenterà. Biglietti da 15 a 70 euro, anche sul sito del Maggio senza diritti di prevendita.

Dal 9 al 23 dicembre c’è però un altro modo di risparmiare il 10% della prevendita: il Maggio Musicale Fiorentino ha un punto vendita temporaneo, aperto sette giorni su sette, presso la galleria commerciale della stazione di Santa Maria Novella.

Questa biglietteria temporanea è la scenografia di uno spettacolo: il teatrino con tanto di sipario rosso (quello che ci sarebbe piaciuto anche per il teatro vero…), disegnato da Daniele Leone e realizzato dai laboratori del Maggio, che si è visto in «Tutti mi chiamano», una riduzione-rielaborazione per bambini del «Barbiere di Siviglia» di Rossini messa in scena con gran successo dal Maggio e da Venti Lucenti durante la stagione 2017/2018, con l’Orchestra del Maggio (anche allora diretta da Giuseppe La Malfa) e i giovani cantanti dell’Accademia.

Una biglietteria in posizione centrale e più comoda in un luogo di grande passaggio che si aggiunge agli altri punti vendita che il Maggio ha già disseminato in città: l’Infopoint del Comune in piazza della Stazione, i punti vendita Vivaticket, il Boxoffice in via delle Carceri, la biglietteria del Teatro La Pergola, il negozio Dischi Fenice in via santa Reparata 8r, l’ex-chiesa di san Giovanni a Prato e le 14 edicole di Firenze abilitate alla vendita dei biglietti: piazza della Repubblica, piazza Dalmazia, piazza delle Cure, piazza del Pesce, Piazza Giorgini, piazza Pier della Francesca, a Borgo san Frediano,  via San Gallo, via Locchi, via Moschi, via Fabbroni, via Piagentina angolo piazza Alberti, via Marconi.

L’unico senza dirtitti di prevendita, però, è quello temporaneo presso la galleria commerciale della stazione di Santa Maria Novella, aperto fino al 23 dicembre dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 18 e il sabato e la domenica dalle 10 alle 18.