Terremoto (magnitudo 7.7) fra Cuba e Giamaica. Ma revocata l’allerta tsunami

L’AVANA (CUBA) – E’ stata fortissima, la scossa di terremoto (magnitudo 7.7) nel mar dei Caraibi, a una profondità di 10 chilometri,  fra Cuba e Giamaica, ma l’allerta tsunami diramata subito dopo è stata revocata. «La minaccia di uno tsunami legato al sisma è passata, non ci sono più rischi», ha comunicato il Centro di allerta degli tsunami nel Pacifico. L’allerta riguardava sei paesi: Cuba, Honduras, Messico, Belize, Isole Cayman e Giamaica.

La forte scossa è stata avvertita anche a Miami, in Florida, dove alcuni edifici in centro città sono stati evacuati in maniera precauzionale. Alcuni media locali hanno riferito che all’avvertire della scossa alcuni residenti hanno lasciato immediatamente gli edifici e si sono riversati per strada. Il potente terremoto è stato avvertito nella capitale cubana, L’Avana, dove diversi edifici sono stati evacuati, così come in diverse province dell’isola. Lo riportano i media cubani.

«Il terremoto – riferiscono i media locali – è stato percepito in molte province, come Guantanamo, Santiago de Cuba, Holguin, Las Tunas, Cienfuegos, L’Avana, Pinar del Rio e il comune di Isla de la Juventud». Ma secondo il portale d’informazione ufficiale, Cubadebate, non si segnala alcun danno immediato.