Fisco: le cartelle non si pagano fino a fine anno, il governo ascolta le richieste di Salvini

Roberto Gualtieri, ministro dell’Economia (Foto ANSA)

ROMA – Il governo sembra recepire le richieste di Salvini, anche se non lo ammetterà mai.  Secondo quanto si apprende da fonti di governo, con il prossimo decreto di agosto dovrebbe essere introdotta una ulteriore proroga per i pagamenti delle cartelle esattoriali (comprese le rate della rottamazione) che a settembre altrimenti sarebbero ripresi. Probabilmente la riscossione dovrebbe riprendere a pieno ritmo solo da gennaio.

Una riflessione sarebbe in corso anche sul fronte della notifica di nuove cartelle così come sulle proroga dello stop ai pignoramenti. Altra possibile proroga quella della moratoria dei mutui su cui però ancora una decisione definitiva non sarebbe stata presa. Meglio tardi che mai, il partito delle tasse (Pd) sembra voler fare marcia indietro, costretto dalle circostanze e dalle prossime scadenze elettorali regionali.