Prato: Mazzetti (FI) denuncia bando concorso del Comune, mortifica le donne

PRATO – «Viviamo in un Paese in cui il secondo comune più grande della Toscana, Prato, riesce a riportarci indietro al Medioevo. Come si può chiedere alle donne, nella domanda di partecipazione ad un concorso, se sono incinta o hanno figli piccoli? E la toppa, con il quale l’amministrazione comunale ha tentato di rimediare, è peggiore del buco, spiegando che si trattava di un segnale di attenzione per le donne. Ora chiedo che il Partito democratico prenda le distanze da questa vicenda assurda a tutti i livelli, comunale, provinciale, regionale e nazionale e annuncio sin da ora un’interrogazione urgente per stigmatizzare un fatto inaccettabile». Lo dice Erica Mazzetti, deputata di Forza Italia.