Atletica: Larissa Iapichino campionessa italiana di salto in lungo, con 6,32 (video)

PADOVA – A Padova, nel pomeriggio della seconda giornata degli Assoluti, Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon) conquista il primo titolo italiano assoluto in carriera con 6,32, misura ottenuta con un fastidioso vento contrario di -1.7. Per la primatista italiana under 20 del salto in lungo (personale di 6,80) la vittoria davanti a Laura Strati (6,17, -0.4) ed Elisa Naldi (6,17, -2.0). Nella prova maschile il successo è per Filippo Randazzo (Fiamme Gialle) con 7,77 (+2.2). Nei concorsi, da segnalare anche il titolo di Sara Fantini (Carabinieri) nel martello con 68,50 e soprattutto il record italiano under 20 di Rachele Mori (Atl. Livorno) con un netto progresso fino a 65,03. Disco per Giovanni Faloci (Fiamme Gialle) con la migliore misura italiano dell’anno di 61,87, titolo numero 27 nel peso per Chiara Rosa (Fiamme Azzurre) con 16,55, nel giavellotto Norbert Bonvecchio (Atl. Trento) con 74,64 sorprende Mauro Fraresso (Fiamme Gialle, 74,24). Nelle prove multiple, a segno Dario Dester (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) con 7652 nel decathlon a tre punti dal personale e Sveva Gerevini (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) con 5741 nell’eptathlon.

Il video del salto di Larissa dal sito della Fidal https://www.facebook.com/watch/?v=2406077803029437&extid=OfoXtwwbrq2YavrH

LUNGO – Niente pioggia, tanto vento. Ballerino, illeggibile. Cambia direzione, prima sbatte in faccia ai saltatori in lungo, poi soffia troppo potente alle spalle. Il risultato è che la competizione non decolla del tutto. È così per le donne e anche per gli uomini. Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon) non rivive la giornata d’oro di Savona ma comunque può dire di essere la prima 2002 tricolore assoluta: “È stata dura ma ce l’ho fatta – commenta – nonostante condizioni pessime e vento contrario quasi tutta la gara. Un passo alla volta sto diventando più matura, a livello personale e come atleta”. Il suo 6,32 (-1.7) arriva all’ultimo turno di salti, però già in precedenza aveva indirizzato la gara con cinque lanci dalle parti dei sei e venti (6,18-6,18-6,24-6,20-6,20), oggi irraggiungibili per Laura Strati (Atl. Vicentina) ed Elisa Naldi (Virtus Cr Lucca), entrambe a 6,17. La campionessa europea under 20 tornerà in pedana a Rovereto l’8 settembre e poi nel weekend del 18-20 settembre a Grosseto per i tricolori di categoria. Non è giornata per Tania Vicenzino (Eservcito) soltanto quinta con 6,08 (+0.2), preceduta da Carol Zangobbo (Assindustria Sport Padova) 6,14 (-1.2)