Verifica di governo: M5S a colloquio con Conte. Poi toccherà al Pd

ROMA – E’ in corso a Palazzo Chigi la verifica di governo. La delegazione del M5S ha avviato l’incontro con il premier Giuseppe Conte. La delegazione del Movimento è composta dal capo politico Vito Crimi, dal capodelegazione Alfonso Bonafede, dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio, dal ministro per lo Sviluppo Economico Stefano Patuanelli e dai capigruppo alla Camera e al Senato – gli unici ad essere arrivati a piedi a Palazzo Chigi – Davide Crippa e Ettore Licheri.  Alle 19 toccherà al Pd. La delegazione sarà guidata dal segretario del partito, Nicola Zingaretti.

Domani, martedì 15 dicembre, il cerchio si chiuderà con gli incontri con Matteo Renzi e la delegazione di Italia Viva, alle 15, e con Leu, alle 19. A quanto pare i nodi più difficili da sciogliere saranno proprio con Italia Viva: Renzi pone questioni di fondo, soprattutto sulò Recovery, che, assicura, vanno oltre le poltrone. Come finirà? Gli osservatori vicini alle cose di Palazzo Chigi pensano che quasi certamente ci sarà un rimpasto nella squadra di governo. Più difficile che si apra una crisi vera. Conte pare disponibile a fare le aperture richieste, anche da Renzi, e i grillini, da parte loro, appaiono preoccupati perchè consapevoli che, andando al voto, perderebbero buona parte di quella consistenza elettorale ottenuta nel 2018.