Coronavirus in Toscana: 14 morti, oggi 13 febbraio. E 764 nuovi contagi. Vaccinati: oltre 175mila

Vaccinazioni al Mandelaforum (Foto Ufficio stampa COMUNE DI FIRENZE)

FIRENZE – La Toscana entra in fascia arancione da domani, 14 febbraio. Un disastro per i ristoratori che avevano già fatto la spesa per i pranzi prenotati per San Valentino. Il governo uscente non si è mostrato all’altezza della situazione. Draghi dovrebbe mostrare più buon senso, nonostante abbia confermato Speranza alla sanità in un segno di continuità che poteva non esserci.

I morti per coronavirus, oggi 13 febbraio, in Toscana sono 14. Si tratta di 9 uomini e 5 donne con età media di 79 anni. Mentre sono 764 i nuovi contagiati con età media di 46 anni (il 16% ha meno di 20 anni, il 23% tra 20 e 39 anni, il 34% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, l’8% ha 80 anni o più).

In totale da inizio pandemia sono 142.650 i casi di positività al Coronavirus. I nuovi casi sono lo 0,5% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,3% e raggiungono quota 126.337 (88,6% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 12.201 tamponi molecolari e 7.400 tamponi antigenici rapidi, di questi il 3,9% è risultato positivo. Sono invece 10.079 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 7,6% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 11.899, +3% rispetto a ieri.

I ricoverati sono 814 (3 in più rispetto a ieri), di cui 129 in terapia intensiva (3 in più).

Oggi, come detto, si registrano 14 nuovi decessi: 9 uomini e 5 donne con un’età media di 79,4 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 7 a Firenze, 1 a Pistoia, 1 a Massa Carrara, 2 a Lucca, 2 a Pisa, 1 residente fuori Toscana. Sono 4.414 i deceduti dall’inizio dell’epidemia cosi ripartiti: 1.485 a Firenze, 299 a Prato, 324 a Pistoia, 437 a Massa Carrara, 417 a Lucca, 513 a Pisa, 308 a Livorno, 278 ad Arezzo, 178 a Siena, 111 a Grosseto, 64 persone sono decedute in Toscana, ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 118,6 x100.000 residenti contro il 154,4 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (225,3 x100.000), Firenze (147,9 x100.000) e Pisa (121,5 x100.000), il più basso a Grosseto (50,3 x100.000).

Si è avviata dal 27 dicembre 2020 la campagna vaccinale anti-Covid. Alle 12.00 di oggi sono state effettuate complessivamente 175.316 vaccinazioni, 5.290 in più rispetto a ieri (+3,1%), tenendo presente che le Aziende del Sistema Sanitario Regionale proseguono per l’intera giornata. La Toscana è la 8° regione per % di dosi somministrate su quelle consegnate (il 81% delle 216.520 consegnate), per un tasso di vaccinazioni effettuate di 4.709 per 100mila abitanti (media italiana: 4.803 per 100mila).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (746 confermati con tampone molecolare e 18 da test rapido antigenico). Sono 39.509 i casi complessivi ad oggi a Firenze (200 in più rispetto a ieri), 12.005 a Prato (60 in più), 12.394 a Pistoia (67 in più), 9.097 a Massa (68 in più), 14.593 a Lucca (82 in più), 18.930 a Pisa (101 in più), 11.112 a Livorno (57 in più), 12.800 ad Arezzo (58 in più), 6.866 a Siena (52 in più), 4.789 a Grosseto (19 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni. Sono 349 i casi riscontrati oggi nell’Asl Centro, 287 nella Nord Ovest, 129 nella Sud est.

La Toscana si trova al 13° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 3.832 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 4.477 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 4.691 casi x100.000 abitanti, Prato con 4.650, Pisa con 4.482, la più bassa Grosseto con 2.169. Complessivamente, 11.085 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (347 in più rispetto a ieri, più 3,2%). Sono 26.077 (127 in più rispetto a ieri, più 0,5%) le persone, anch’esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 9.928, Nord Ovest 9.941, Sud Est 6.208).

Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 814 (3 in più rispetto a ieri, più 0,4%), 129 in terapia intensiva (3 in più rispetto a ieri, più 2,4%). Le persone complessivamente guarite sono 126.337 (400 in più rispetto a ieri, più 0,3%): 342 persone clinicamente guarite (5 in meno rispetto a ieri, meno 1,4%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e 125.995 (405 in più rispetto a ieri, più 0,3%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.