Luna Rossa débacle, New Zealand avanti 5-3

Emirates Team New Zealand (R) competes against Luna Rossa Prada Pirelli during race eight on day five of the 36th America’s Cup in Auckland on March 15, 2021. (Photo by Gilles Martin-Raget / AFP)

AUCKLAND – Luna Rossa resta all’asciutto e chiude sotto 5-3 contro New Zealand la quarta giornata di regate, dopo il rinvio di ieri a causa dell’assenza di vento nella baia di Hauraki, ad Auckland. Il ‘defender’ fa bottino pieno, intascando due punti che potrebbero rivelarsi di fondamentale importanza nel cammino verso la vittoriosa difesa del trofeo sportivo più antico della storia.

Diverse, nella sostanza, le due sconfitte maturate oggi nel mare della ‘terra di mezzo’. Si può tranquillamente dire che il sogno di Luna Rossa si sia spento sui… ‘foil’, le cosiddette ali volanti: l’equipaggio guidato dallo skipper Max Sirena, nella seconda regata, aveva accumulato un vantaggio di ben 4’08”, alla fine è arrivato con un ritardo di 3’55”, tradita da un salto di vento che, nella seconda sfida, è stato al limite. La Luna era lanciata verso il pareggio 4-4, lo ha toccato con mano e si è anche probabilmente illusa, dopo avere perso la prima regata senza attenuanti. E’ un peccato che sia stata costretta a rinunciare a un’occasione tanto ghiotta quanto irripetibile. Non sono mancati i colpi di scena nel golfo di Hauraki, dove si è cominciato con 11 nodi di vento e si è finiti a 7 nodi d’intensità (il minimo per le regate, come da regolamento, è 6,5, ndr), New Zealand ha regalato il primo sorpasso, dopo che Luna Rossa era partita bene nella prima sfida, mentre nella seconda ha regalato un clamoroso ribaltone che lo avvicina alla riconquista della Coppa America. I giochi non sono ancora finiti, guai a esultare prima del traguardo, ma oggi i ‘kiwi’ hanno messo a segno un doppio successo che vale più di mezzo trofeo. Luna Rossa adesso si vede costretta a inseguire.