Lucca: riapre la strada statale 12 dell’Abetone e del Brennero

FIRENZE – Lunedì prossimo, 22 marzo 2021, sarà riaperta al traffico la strada statale 12 dell’Abetone e del Brennero nel comune di Borgo a Mozzano (dal km 44,100 ed al km 46,500) in provincia di Lucca, chiusa per il cedimento del corpo stradale causato dalla piena del fiume Serchio e seguito da due ulteriori eventi franosi che hanno riversato complessivamente sul piano viabile circa seimila metri cubi di materiale roccioso.

Sono infatti quasi ultimati i lavori avviati tempestivamente da Anas e resi particolarmente impegnativi dalle condizioni meteo della stagione invernale.

La circolazione sarà provvisoriamente regolata a senso unico alternato per consentire a Terna di eseguire le operazioni di sistemazione di un traliccio coinvolto dalla frana. A seguire saranno ultimati gli interventi da parte di Anas e sarà rimosso il semaforo.

Le operazioni e la gestione della viabilità sono state assicurate grazie alla stretta collaborazione con il Prefetto di Lucca e al lavoro di coordinamento con i sindaci di Borgo a Mozzano, Bagni di Lucca e Coreglia Antelminelli, con la Provincia di Lucca e con le Forze dell’Ordine che hanno contribuito al presidio dei percorsi alternativi.

Gli interventi

Nel dettaglio, il primo evento franoso si è verificato il 9 dicembre e ha riguardato il cedimento del corpo stradale nel tratto che costeggia l’alveo del fiume Serchio, a causa all’erosione del muro di contenimento, alto circa 4 metri.

L’intervento di ripristino ha previsto la ricostruzione del muro per una lunghezza di 20 metri, previa realizzazione di una fondazione costituita da una paratia di micropali, e la ricostruzione del corpo stradale.

Le lavorazioni hanno subito un rallentamento durante l’inverno per le condizioni meteorologiche particolarmente proibitive che hanno determinato, tra l’altro, l’innalzamento del livello del fiume e il conseguente allagamento dell’area di cantiere che è rimasta sommersa per molti giorni tra dicembre e gennaio.

Nello stesso tratto di strada già chiuso per tale cedimento, il 24 gennaio si è verificata un’ulteriore frana dal lato di monte che ha interessato la sede stradale al chilometro 45,100, scaricando sul piano viabile circa 1000 metri cubi di materiale roccioso.

A causa del perdurare delle condizioni meteo avverse, tra l’8 e il 9 febbraio si sono verificati ulteriori smottamenti che hanno portato l’accumulo del materiale roccioso a circa 6000 metri cubi, coinvolgendo anche un’infrastruttura della rete Terna.

Gli interventi hanno riguardato – oltre alla rimozione del materiale franato – il ripristino e l’integrazione delle opere di protezione dalla caduta massi.

Anas, società del Gruppo FS Italiane, ricorda che quando guidi, Guida e Basta! No distrazioni, no alcol, no droga per la tua sicurezza e quella degli altri (guidaebasta.it). Per una mobilità informata l’evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile anche su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all’applicazione “VAI” di Anas, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Il servizio clienti “Pronto Anas” è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito 800.841.148