Firenze candida 19 alberi a monumentali: da inserire nell’elenco nazionale

FIRENZE – Anche gli alberi, a Firenze, possono diventare monumenti viventi. Sono infatti 19 alberi e sei filari le piante che il Comune di Firenze intende candidare come alberi monumentali da inserire nell’elenco nazionale. È il risultato del censimento realizzato, per la prima volta, dalla direzione ambiente, in collaborazione con Università di Firenze e società toscana di Orticultura, al quale potranno aggiungersi ulteriori alberature, anche segnalate da altri soggetti pubblici e privati. I criteri di attribuzione del carattere di monumentalità sono il pregio naturalistico legato a età, dimensioni, forma, portamento, rarità botanica e architettura vegetale, il pregio paesaggistico, il pregio storico-culturale-religioso e il valore ecologico.

I sei alberi di proprietà comunale già riconosciuti come monumentali sono: la quercia di Mantignano, il cedro di villa Favard, la palma di villa di Rusciano, lo spino di Giuda del Salviatino, la farnia del parco delle Cascine e l’olmo di piazza Vittorio Veneto. In totale sono 12 gli alberi monumentali già riconosciuti sul territorio comunale. «Abbiamo completato – ha detto l’assessore all’ambiente di Palazzo Vecchio Cecilia Del Re – il primo censimento degli alberi comunali che rientrano nei criteri previsti per la candidatura come alberi monumentali. Con questo lavoro vogliamo incrementare notevolmente il numero delle alberature monumentali candidando altri bellissimi alberi che hanno tutti i requisiti per ottenere il riconoscimento da parte della Regione».