Istat: crollano consumi, raddoppia propensione risparmio

ROMA – La spesa per consumi finali si è contratta del 10,9% nel 2020 , portando la propensione al risparmio al 15,8% nel 2020 quasi raddoppiando rispetto all’8,2% del 2019. Lo comunica l’Istat.

Le misure di sostegno messe in atto per contrastare gli effetti economici dell’emergenza sanitaria – continua l’istituto di statistica – hanno attenuato la caduta del reddito disponibile delle famiglie consumatrici, che nel 2020 è diminuito del 2,8% (-32 miliardi di euro). Il potere d’acquisto, che è il reddito disponibile espresso in termini reali, è diminuito del 2,6% nel 2020, interrompendo una dinamica positiva in atto dal 2014, sei anni prima.
Le misure di sostegno, insieme alla contrazione delle entrate fiscali e contributive legate alla crisi pandemica, hanno determinato anche un forte aumento dell’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche, che si è attestato a 
-156,9 miliardi di euro. Questo dato sul deficit delle amministrazioni è in peggioramento di 129 miliardi rispetto all’anno precedente.