‘Ndrangheta in Toscana: le cosche su lavori stradali e concerie. Indagato per corruzione il capo gabinetto di Giani

Carabinieri

FIRENZE – Carabinieri e Dda di Firenze hanno arrestato 23 persone per stroncare, in Toscana, un intreccio di attività criminali riconducibili alla ‘ndrangheta infltratasi nell’intera regione. Si va dal traffico di cocaina al controllo di lavori stradali, allo smaltimento illecito di rifiuti nelle concerie. In un filone dell’operazione sono stati eseguiti in Toscana, Calabria e Umbria sei arresti (uno in carcere e cinque ai domiciliari) per la gestione di rifiuti reflui e fanghi industriali prodotti nel distretto conciario tra le province di Firenze e Pisa. Alcuni soggetti a capo dell’Associazione conciatori di Santa Croce (Pisa) avrebbero rappresentato, spiegano gli investigatori, il fulcro decisionale di tutto il sistema indagato. Fra gli indagati anche Ledo Gori, già capo di gabinetto dellì’ex ptresidente della Regione, Enrico Rossi, e ancora capo di gabinetto con l’attuale presidente Eugenio Giani. Va sottolineato con precisione che sia Rossi sia Giani sono assolutamente estranei alle indagini.

Per l’accusa, le ceneri di risulta dei rifiuti conciari classificati Keu, altamente inquinanti, sarebbero state miscelate con altri materiali e riutilizzate in attività edilizie. Circa 8.000 tonnellate di rifiuti contaminati sarebbero stati usati nella realizzazione del V lotto della Strada 429. Un altro filone ha portato all’esecuzione di due ordinanze di custodia cautelare, per un totale di 17 arresti che hanno colpito imprenditori contigui alla cosca Gallace di Guardavalle (Catanzaro). Sono questi gravemente indiziati, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata all’estorsione, illecita concorrenza con violenza e minaccia, sub-appalto irregolare ed altro, nonché associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, favoreggiamento, il tutto aggravato sia dal metodo mafioso che dall’avere agevolato la cosca Gallace. Scoperto l’approvvigionamento di cocaina da parte della cosca e la successiva distribuzione in Toscana. Il traffico ruotava attorno al porto di Livorno ed è stato arrestato un importante esponente della ‘ndrangheta. Messa in luce anche l’infiltrazione che passava nel settore inerti della cosca Gallace che, preso il controllo su una storica azienda del Mugello, avrebbe condizionato la concorrenza aggiudicandosi importanti commesse pubbliche.

Fra gli indagati c’è anche  Ledo Gori, capo di gabinetto del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, del tutto estraneo alle indagini. A Gori viene contestato il reato di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Secondo l’accusa della Procura di Firenze, Gori si sarebbe reso disponibile a soddisfare le richieste del gruppo criminale, composto tra l’altro dai vertici dell’Associazione conciatori di Santa Croce sull’Arno, in cambio dell’impegno da parte degli imprenditori di chiedere esplicitamente al candidato eppoi presidente eletto della Regione, appunto Giani (che ripetiamo è  estraneo alle indagini) di confermarlo nel suo incarico come capo di gabinetto. Nell’inchiesta Gori non è accusato del reato di associazione per delinquere. Sempre nell’inchiesta risulta indagato, tra gli altri, il consigliere del Pd Andrea Pieroni, accusato sempre di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio. Indagato poi per abuso d’ufficio il direttore del settore ambiente e energia della Regione Toscana, Edo Bernini.

Le indagini del Ros, dei carabinieri forestali di FIRENZE e dei carabinieri di Livorno, insieme ad altri gruppi specialistici dell’Arma, si sono evolute su direttrici principali. Una riguarda il controllo del mercato del movimento terra in più province toscane, mediante estorsioni e illecita concorrenza tramite violenza o minacce, ottenuto da soggetti di vertice della storica impresa ‘Cantini Marino srl’ di Vicchio, tramite l’impresario Graziano Cantini e il suo principale collaboratore Nicola Verdiglione i quali – spiegano i carabinieri, direttamente collegati a soggetti organici al Clan Gallace (Domenico Vitale e Nicola Chiefari), avrebbero sfruttato la forza della consorteria mafiosa per imporsi sul mercato del movimento terra e della fornitura di inerti a discapito di aziende concorrenti, infiltrandosi in importanti commesse pubbliche in Toscana. Le condotte criminali sono state attuate a carico di diversi imprenditori e tecnici di settore in relazione alla fornitura di materiale per i lavori da eseguire in un importante cantiere relativo ad un appalto milionario tra Castelfiorentino ed Empoli.

Inoltre, sotto indagine ci sono legami, che gli investigatori definiscono di comodo con la pubblica amministrazione aretina (Consorzio Bonifica Valdarno) per l’assegnazione diretta di lavori per importi contenuti (sotto soglia), su cui sono in corso approfondimenti. Tra i reati contestati, l’estorsione posta in essere a carico di un impresario calabrese con il concorso dell’imprenditore Francesco Lerose di Crotone Francesco, arrestato anche per le accuse maurate nell’indagine dei Cc Forestali sullo smaltimento illecito di rifiuti, aggravati dall’agevolazione mafiosa (Operazione “Keu”). Altro fronte contrastato dalla Dda coi carabinieri alla ‘ndrangheta in Toscana è il narcotraffico internazionale che ha portato al sequestro totale di circa 191 chili di cocaina (periodo maggio 2017 – agosto 2019) nel cui contesto è maturato a cura dei carabinieri di Livorno e del Ros l’arresto del latitante Francesco Riitano nell’agosto 2019 sotto falso nome a Giardini Naxos (Messina), individuato grazie al suo legame con l’indagato Domenico Vitale che lo incontrava periodicamente in località segrete.