Musica: la bacchetta da direttore d’orchestra di Rossini all’asta a Firenze

Gioacchino Rossini

FIRENZE – Andrà all’asta, a Firenze, con una base di partenza di 1.500 euro, la bacchetta da direttore d’orchestra, realizzata in ebano, madreperla e avorio con placche d’argento, appartenuta al compositore marchigiano Gioachino Rossini e regalata dal Comune francese di Passy, dove il maestro morì il 13 novembre 1868. La metterà sarà all’asta online la Gonnelli Casa d’Aste di Firenze martedì 20 aprile, alle ore 14. «La baguette de chef d’orchestre» sarà offerta, come detto, con una base d’asta di 1.500 euro e sarà messa in vendita con un biglietto d’invito autografo di Rossini per le prove della sua Petite Messe solennelle.

La bacchetta è lunga 38 centimetri ed ha un diametro di 15/10 mm, secondo la descrizione in catalogo: l’impugnatura è in avorio intarsiato in ebano e madreperla, con un punta in argento cesellato. Una piccola placca in argento riporta le iniziali G. R. cesellate e la scritta Passy. Nella stessa sezione d’asta di Gonelli anche manoscritti musicali di fine XVIII-inizio XIX, libretti d’opera insieme ad autografi e fotografie di cantanti lirici e musicisti, tra cui Jules Massenet, Francesco Paolo Tosti, Gaspare Spontini, Maria Callas.