Firenze: al Teatro di Rifredi due repliche straordinarie di «Le tre verità di Cesira»

Gennaro Cannavacciuolo in «Le tre verità di Cesira»

FIRENZE – Al Teatro di Rifredi si aggiungono due repliche straordinarie di «Le tre verità di Cesira», venerdì 14 alle 20 e domenica 16 alle 16.30.

È partita con cinque recite esaurite la riapertura, contingentata, del Teatro di Rifredi, e alla baffuta Cesira, un travolgente Gennaro Cannavacciuolo. Scritto nel 1989 da Manlio Santanelli e messo in scena l’anno successivo, come rappresentazione teatrale a domicilio, da Angelo Savelli, «Le tre verità di Cesira» è un monologo comico e grottesco dove si narra la storia di Cesira, una venditrice di limonate nei vicoli della Napoli dei Quartieri Spagnoli. Cesira racconta, ad uso e consumo di un supposto cameraman del “telegiornale”, tre diverse versioni per giustificare la presenza di un folto paio di virilissimi baffi sul suo “corpo di donna, femminile”. Dalle note dello stesso Santanelli: “Sollecitata nella sua vanità di esemplare unico e irripetibile, Cesira svelerà non una ma ben tre verità (tre per quanti sono i canali della TV di stato), verità delle quali sarei pronto a mettervi a parte se non fossi un furbo di tre cotte, nonché a conoscenza di quella buona norma che suggerisce di non spifferare ai quattro venti lo sviluppo e la conclusione di un giallo (anche se in questa sede si tratta piuttosto di un verde, o un rosso amaranto, o un nero fumo di Londra, o come più vi aggrada).

Gli spettacoli avverranno nel rispetto delle misure anti-Covid 19. È necessario presentarsi mezz’ora prima dell’inizio dello spettacolo per espletare le procedure necessarie. Non si può entrare in sala a spettacolo iniziato. Le poltrone in sala saranno disposte in modo tale da garantire il distanziamento. Per l’accesso in teatro verranno applicate le seguenti procedure: mascherina obbligatoria, misurazione febbre, igienizzazione mani, registrazione del nome e numero di cellulare.

Ingresso euro 12; prevendita online www.ticketone.it e www.toscanateatro.it