Firenze: al Teatro della Pergola Il Pomo d’Oro diretto da Francesco Corti, solista al clavicembalo

Il Pomo d’Oro (foto Nicola Dalmaso)

FIRENZE – I concerti degli Amici della Musica al Teatro della Pergola proseguono lunedì 24 maggio alle 20, con Il Pomo d’Oro, col bravissimo Francesco Corti nella doppia veste di direttore e clavicembalista; in programma i Concerti per clavicembalo in re maggiore BWV1054 e in re minore BWV1052 di Johan Sebastian Bach e la Suite in sol maggiore «Burlesque de Don Quixotte» di Geord Philipp Telemann.

Il concerto era già programmato nella stagione 2020/2021 interrotta a causa della pandemia. Dal 2012, Il Pomo d’oro si è distinto per le interpretazioni autentiche e dinamiche di opere e pezzi strumentali del periodo barocco e classico e i suoi musicisti sono tra i più noti nell’interpretazione con strumenti d’epoca.

Francesco Corti già nei primi anni d’attività ha totalizzato una quantità impressionante di riconoscimenti e inviti di gran prestigio. Nel 2006 vince il primo premio assoluto al XV Concorso Internazionale “Johann Sebastian Bach” di Lipsia, che non veniva assegnato dal 1972 e che gli conferisce il titolo di Bachpreisträger. Come solista e in formazioni da camera si è esibito in tutto il mondo, invitato a Festival come il Bachfest di Lipsia, il Festival di Radio France di Montpellier, le Mozart-Wochen o il Salzburger Festspiele di Salisburgo e presso sale come il Concertgebouw di Amsterdam, il Bozar di Bruxelles, la Salle Pleyel di Parigi o il Mozarteum e la Haus für Mozart di Salisburgo. Dal 2007 è membro dei “Musiciens du Louvre”, con cui partecipa a numerose tournées in tutto il mondo e a varie incisioni discografiche. Collabora inoltre con gruppi come Le Concert des Nations del celeberrimo Jordi Savall, Harmonie Universelle (F. Deuter), l’Ensemble Zefiro (A. Bernardini), Les Talens Lyriques (C. Rousset), l’Ensemble Elyma (G. Garrido) e Musica ad Rhenum (J. Wentz). Nel 2010 è uscita la sua registrazione delle Partite di J. S. Bach per Berlin Classics. È stato invitato dal Concertgebouw di Amsterdam per le celebrazioni del 125 anniversario della sala e dalla Stiftung Mozarteum per l’esecuzione dei quartetti per pianoforte di Mozart a Salisburgo sugli strumenti originali del compositore. Dal 2019 è direttore ospite principale de Il Pomo d’Oro, orchestra che ha lavorato con diversi direttori, tra i quali Riccardo Minasi, Maxim Emelyanychev (suo direttore principale dal 2016), Stefano Montanari, George Petrou, Enrico Onofri e, giustappunto, Francesco Corti. Ospite ricorrente dei più prestigiosi festival e sale da concerto in tutta Europa, Il pomo d’oro ha una discografia che include registrazioni di opere integrali: Agrippina, Serse, Tamerlano, Partenope e Ottone di Händel, Catone in Utica di Vinci e La Doriclea di Alessandro Stradella. Inoltre, l’orchestra ha registrato diversi recital con Jakub Józef Orliński, Franco Fagioli, Max Emanuel Cenčić, Xavier Sabata, Ann Hallenberg, Joyce DiDonato, Francesca Aspromonte e Emöke Baráth. Fra gli album strumentali, i concerti per violino e clavicembalo di Haydn e concerti per violoncello con Edgar Moreau, vincendo l’Echo Klassik nel 2016. L’orchestra ha inciso l’integrale dei concerti per violino e clavicembalo di J.S. Bach con Shunske Sato (violino) e Francesco Corti (clavicembalo). Le nuove incisioni del 2021 saranno i concerti per clavicembalo di Bach con Francesco Corti, le arie d’opera di Mozart con Lisette Oropesa, le arie sacre con Jakub Józef Orliński e l’Apollo e Dafne di Händel con Kathryn Lewek e John Chest. Nel 2019, gli album Anima Sacra con Jakub Józef Orliński e Voglio Cantar con il soprano Emöke Barath hanno ricevuto il premio Opus-Klassik, mentre la registrazione del Serse di Händel è stata insignita del Premio Abbiati del Disco. Nel 2018, la registrazione de La Doriclea, diretta da Andrea di Carlo, ha ricevuto il Preis der Deutschen Schallplattenkritik. L’album Virtuosissimo (2019), con Dmitry Sinkovsky, ha ricevuto il Diapason d’Or. Il pomo d’oro è ambasciatore ufficiale dell’associazione El Sistema Greece, un progetto umanitario che offre un’educazione musicale ai bambini nei campi profughi in Grecia, dove partecipa regolarmente a concerti, workshop e lezioni di musica.

Teatro della Pergola (via della Pergola 18)

Lunedì 24 maggio alle 20

I biglietti, da 5 a 25 euro, sono in vendita su TicketOne e presso la biglietteria del Teatro della Pergola. Per maggiori informazioni 055/607440 e www.amicimusicafirenze.it