Champions: Chelsea di Tuchel trionfa. Battuto il City di Guardiola in finale: 1-0

Il Chelsea festeggia Harvetz, autore del gol che consegna al Chelsea la Champions, battendo il City di Guardiola
(Photo by Jose COELHO / various sources / AFP)

OPORTO – Il Chelsea ha vinto la seconda Champions League della propria storia, battendo 1-0 il Manchester City nella finale giocata questa sera nello stadio Do Dragao di Oporto. Rete di Havertz al 42′ pt. Contro ogni pronostico iniziale, da vera outsider, il Chelsea dunque batte i campioni d’Inghilterra del Manchester City. E’ la favola di Tuchel, che conquista il primo grande trofeo europeo della propria carriera dopo la sconfitta con il Bayern alla guida del Psg lo scorso anno. E’ la favola di Kante, dei giovanissimi Mount, Werner e dello stesso Havertz, e’ la favola di un popolo, quello londinese, che ritrova la gloria europea contro le quotazioni di ogni bookmakers, come successo con il Bayern Monaco nel 2012.

E’ l’incubo invece per il Manchester City, che vede svanire il proprio sogno alla prima finale della sua storia. Neanche Guardiola è finora riuscito nell’impresa di scrivere il nome dei citizens nell’albo d’oro della competizione. La cronaca della gara. Ritmi forsennati e un’incredibile intensita’ di gioco la fanno da padrone per tutto il primo tempo. Partono meglio e piu’ spigliati i Blues di Tuchel, capaci di mettere in mostra trame brillanti sfiorando piu’ volte la rete del vantaggio. Le opportunita’ piu’ ghiotte capitano sui piedi di Werner, poco freddo dalle parti di Ederson. Più contratti e intimoriti, invece, gli uomini di Guardiola, la cui chance piu’ grande è cancellata da una scivolata provvidenziale di Rudiger in chiusura su Foden. Sembra mancare solo la rete in 45 minuti di grande calcio, ma proprio a ridosso dell’intervallo arriva la fiammata del Chelsea: Mount pesca tra le linee Havertz, bravissimo a saltare Ederson in uscita e depositare in rete l’1-0 che sblocca il risultato.

Come prevedibile, nella ripresa, il City prova a prendere in mano il comando delle operazioni alzando la pressione alla ricerca del pareggio, ma la retroguardia del Chelsea e’ attenta e perfetta nel chiudere tutti i varchi possibili. Tant’e’ che la prima clamorosa occasione del secondo tempo e’ per i londinesi al 73′, con Havertz e Pulisic che orchestrano una grande ripartenza, gettata al vanto dall’americano a tu per tu con il portiere. I Citizens rimangono in vita e tentano ogni disperato assalto nel finale, anche nel lunghissimo recupero di 7 minuti (tante le interruzioni per infortuni), ma voglia e cuore non bastano alla squadra di Guardiola. L’ultima chance e’ per Mahrez, che sfiora di un nulla la traversa con un destro da fuori. Il trofeo è del Chelsea.