Niente elezioni, inizia il semestre bianco e i sondaggi vedono avanti il centrodestra (49,2%) sul centrosinistra (26,9)

Il Capo dello Stato, Sergio Mattarella

I sondaggi si sa possono essere influenzati anche dall’orientamento del committente, quotidiano schierato, partito o Associazione che sia, e quindi debbono essere presi tutti cum grano salis. Una maggiore precisione forse potremmo attribuirla a quella che ogni settimana costituisce la media di tutti gli altri sondaggi, elaborata da YouTrend per l’Agenzia Agi.

Questa, che viene definita Supermedia,  attesta che il partito di Giorgia Meloni è in testa e anche se lo scarto con la Lega è davvero minimo, zero virgola uno per cento. Dopo tre anni la formazione di destra all’opposizione del governo è in vetta. Il Carroccio la tallona, mentre il Movimento Cinque Stelle, nonostante la quadra ritrovata tra Beppe Grillo e Giuseppe Conte, continua a calare. Regge abbastanza il Pd di Enrico Letta, terza forza dopo FdI e Lega.

Ricapitolando, quindi, Fdi è al 20,4%, Lega al 20,3%, Pd al 19,5%, M5S al 14,9%, Forza Italia al 7,6%, Azione di Calenda al 3,6%, Italia Viva di Renzi al 2,2%, Sinistra italiana 2,1%.

La Supermedia delle coalizioni vede il centrodestra nettamente avanti: 49,2% contro il 26,9 del centrosinistra. Ed è quest’ultima una tendenza consolidata da lungo tempo, tanto che i partiti della coalizione hanno più volte chiesto di andare ad elezioni anticipate, stoppati in questo dalla caparbia volontà delle sinistre di evitarlo, nella speranza di recuperare nel frattempo consensi.

Siamo arrivato in questa situazione, con i cittadini impauriti dalle affermazioni di Draghi (se non vi vaccinate morirete) e dalle iniziative coercitive del generale Figliuolo (elenco di tutti i non vaccinati per stanarli e costringerli ad assumere il vaccino), che non si raccapezzano e seguono le indicazioni spesso contrastanti degli esperti e dei politici. Per queste ragioni la gente non protesta come in altri Stati (in Francia per esempio) per mettere un limite a quella che molti ritengono ormai una dittatura sanitaria. E le opposizioni ormai sono ridotte ad una soltanto, FdI di Giorgia Meloni mentre Salvini e Berlusconi ormai sembrano allineati e coperti sulla sponda dei vaccini a tutti i costi. ne fanno fede le trasmissioni e i talk show delle reti del Cavaliere, che propugnano come un sol uomo la campagna vaccinale di Speranza-Figliuolo. in questo clima ormai pochi pensano alle elezioni anticipate, ormai impossibili visto il prossimo inizio del semestre bianco.

Mattarella finora ha evitato che l’Italia andasse alle elezioni, mentre ci sono state consultazioni in tutta Europa e in tutto il mondo. Ma le ragioni della sinistra vanno tutelate, non per nulla gli ultimi presidenti sono stati tutti eletti grazie alla prevalente influenza del Pd, che in tal modo riesce a mantenere potere e clientele.