Figline e Incisa: cucciolo di volpe muore dopo essere stato usato come esca. Due denunciati

Cucciolo di volpe (Foto da youtube)

FIGLINE E INCISA (FIRENZE) –  Due persone sono state denunciate per avere, oltre ad altri reati per ora presunti, utilizzato come esca un cucciolo di volpe per catturare la madre. Il cucciolo è morto nella gabbia in cui era rinchiuso. Lo ha scoperto la polizia provinciale della Metrocittà di Firenze che ha denunciato le due persone quali presunti responsabili. L’episodio è avvenuto a Gaville, frazione di Figline e Incisa Valdarno.

Gli agenti, impegnati in attività di controllo sull’attività venatoria hanno trovato nei pressi di una abitazione una trappola a doppia passaggio armata e pronta alla cattura di animali selvatici. All’interno c’era una seconda trappola con dentro, segregato, un maschio di volpe di circa 4 mesi, alimentato con carne putrefatta e acqua contaminata. «Con il cucciolo chiuso – si spiega in una nota diffusa dalla Metrocittà – si voleva attirare in trappola la madre che avrebbe provocato dei danni in un pollaio nelle vicinanze, probabilmente per procacciare il cibo per il cucciolo».

Gli agenti, dopo aver intercettato i presunti autori, hanno soccorso il cucciolo, che però è arrivato morto alla clinica veterinaria: il decesso sarebbe stato conseguenza dello stato di segregazione patito e della malnutrizione. Gli agenti hanno poi denunciato le due presunti responsabili per l’uso di mezzi non consentiti di cattura e per il maltrattamento e la morte del cucciolo.