Week end 31 luglio – 1 agosto a Firenze e in Toscana: spettacoli, eventi, festival

Il Gran teatro Giacomo Puccini di Torre del Lago, dove sabato c’è «La bohème»

Un week end con spettacoli e concerti, cinema all’aperto, l’inizio dell’Italian Brass Week a Firenze, Scandicci Open City col Florence Folk Festival, l’Estate Fiesolana, la chiusura del Cantiere Internazionale d’Arte a Montepulciano, il Festival Puccini di Torre del Lago, gli ultimi eventi in Toscana per Le Notti dell’Archeologia (che va fino al 1 agosto), lo spettacolo a Villa Caruso per il centenario della morte del grande tenore, il Grey Cat Festival; aperti anche musei e mostre.

L’Italian Brass Week International Festival giunge quest’anno alla sua XXII edizione e si svolge a Firenze dall’1 all’8 agosto. Il titolo di questa edizione, From the Brass Convivium to the Banquet of Knowledge, vuole essere un chiaro omaggio a Dante Alighieri, su il 700° anniversario della sua nascita. Domenica 1 alle 21.30 il Welcome party con i solisti internazionali del festival, la Jazz House Band e l’ensemble PanaBrass, ospiti delle Pavoniere alle Cascine.

Ultima recita sabato 31 alle 21 di «Walking Thérapie», lo spettacolo itinerante prodotto dal Teatro di Rifredi giunto alla quarta edizione dopo ben 73 repliche, condurrà il pubblico su un nuovo percorso della psico-passeggiata con Gregory Eve e Luca Avagliano (da uno spettacolo di Avignone off) nel centro di Firenze incrociando i luoghi di Dante per tutto il mese di luglio. Partenza dal Quinoa-Zap (vicolo Santa Maria Maggiore 1, – angolo via De’ Vecchietti); gli spettatori dovranno essere muniti di mascherina, documento di identità, borse non ingombranti, scarpe comode; arrivare al punto di ritrovo tra le 20.30 e le 20.50 per il ritiro delle cuffie. Biglietti € 12, online su www.toscanateatro.it

Per Tradizioni Popolari – Il Mondo in Santo Spirito, sul sagrato della Basilica di Santo Spirito sabato 31 alle 21 si ascolta il duo  Duo Joka/Pennati. Ingresso libero nel rispetto della normativa anticovid.

Vengono da Montepulciano, hanno poco più di vent’anni e il loro rock grintoso si è fatto largo a X-Factor e a Sanremo Giovani, grazie anche a Manuel Agnelli che li ha seguiti e coccolati. Adesso i Ros ripartono da “L’ultima volta”, il singolo che anticipa il nuovo album. Sabato 31 alle 20,30 (ingresso libero) saranno sul palco di Ultravox Firenze, lo spazio estivo dell’Anfiteatro delle Cascine Ernesto De Pascale per un live tra passato, presente e futuro. Sempre all’Ultravox, domenica 1 alle 20,30, Leo Boni, chitarrista e cantante italo-americano, presenta il nuovo album “The Ring”: 11 brani originali in lingua inglese, scritti tra l’Europa e l’Africa. L’anello della musica mondiale, partito dagli Stati Uniti col blues e il soul, passa per l’Europa con il gypsy jazz e i canti toscani, per poi inabissarsi in un’Africa piena di ritmi, passioni e world music, per ritornare con un viaggio senza tempo sulle tragiche navi, da dove tutto è cominciato. Ingresso libero.

Alla Manifattura Tabacchi(via delle Cascine) sabato 31 alle 21.15 La Compagnia delle Seggiole presenta Grillo Swing. Spettacolo con letture radiofoniche drammatizzate dedicate al Grillo Canterino e alle canzoni di Odoardo Spadaro. Alle 23 Ecosistemi artificiali Live e Daniele Carcassi live; ingresso gratuito. Domenica 1 alle 21.15 Cinema e Psicoanalisi summer edition: «Parasite» Black and White edition di Bong Jon Hoo (Corea del sud 2019, 131′ – Vm 14) con Gabriele Zeloni, psicologo clinico e psicoanalista SPI; ingresso 6 euro.

All’Holle (Lungarno Aldo Moro 7) domenica 1 alle 21 Cocktail Semiacustico Acquaraggia: dal blues alle ballate pop contemporanee fino ad arrivare ad epici soundtracks di Bob Marley, Lucio Dalla, Elton John e i Beatles, senza dimenticare gli originali e inconfondibili brani della storica band Acquaraggia (che ha appena pubblicato il CD Pontifex). Prenotazioni tavoli 3296042331.

Per Apriti cinema nel Piazzale degli Uffizi film gratis ogni sera su prenotazione

Spazi estivi – Sarà un mese di luglio tutto da vivere all’aria aperta, immersi nel verde del parco di Firenze Sud, grazie alla programmazione culturale di Anconella Garden, spazio dell’Estate Fiorentina gestito da Diramazioni Festival, con il contributo attivo di numerose associazioni del territorio. Tutte le iniziative sono a ingresso libero, con accesso da via di Villamagna 39/d. Nuovo look e maggior estensione per il Fiorino sull’Arno (Lungarno Pecori Giraldi – Firenze, vicino al Ponte di San Niccolò; prenotazioni 333 8143000); sabato 31 alle 21 Green Day Night conPaquito de Ribeira Trio. Al Caffè Letterario Le Murate (Piazza delle Murate 1, Firenze; ingresso libero, prenotazioni 055 9360738 o WA al 333 1863521) sabato 31 alle 21 suona Levi Strauss, power trio formato nel 2015 da Federico Franchi, Bernardo Cicchi e Simone Drago (già membri di altre storiche formazioni fiorentine), portano sul palco un repertorio di classici della musica statunitense (cantati sovente a tre voci) e brani di formazioni contemporanee. La Manifattura Tabacchi (via delle Cascine 35) ha riaperto gli spazi estivi del Giardino della Ciminiera e della Piazza dell’Orologio; presso Il Molo (Lungarno Colombo) ogni sabato selezioni musicali di Rex’n’Chill ad accompagnare le serate al tramonto sul Lungarno, con gli storici dj del Rex che saliranno in consolle per un viaggio alla scoperta del tessuto musicale underground; performance artistiche, live music, sport, laboratori per famiglie, aperiplogging e attenzione per l’ambiente: con un palco galleggiante sul fiume che da giugno ospiterà band e concerti. Al via anche un servizio di babysitting per permettere a tutti di godersi la serata. Cibo e drink in collaborazione con Rex Firenze, Bono bono, Il Polpaio, Simbiosi, Pokepop, Gelateria Vivaldi. Tra gli spazi estivi, sono riaperti  La Toraia e la Dogana Beach sul Lungarno del Tempio e i chioschi di Light nei giardini di Campo di Marte e della Montagnola nello spazio verde di via Salvi Cristiani a Coverciano; musica e iniziative per tutte le età. Presso lo spazio all’aperto del Circolo Arci La Loggetta sotto al ponte di Varlungo (Via della Funga 27/a, Firenze – dalle ore 18 fino a chiusura, info e prenotazioni 366 9772005),  c’è InStabile – Culture in Movimento: arte, spettacoli, formazione, natura, riciclo, accoglienza, multiculturalità e buon cibo, con una programmazione estiva che si protrarrà fino al 5 settembre (vedi sopra Florence Folks Festival). All’ex Ippodromo delle Mulina delle Cascine c’è lo spazio estivo Figò. Eventi anche alla Limonaia di Villa Strozzi (via Pisana 77).

Sono aperte le principali piscine all’aperto di Firenze: le Pavoniere alle Cascine (sabato e domenica dalle 9.30 alle 19.30), la piscina della Flog al Poggetto (10 – 19) , la piscina olimpionica di Bellariva.

Aperti al pubblico la Collezione Zeffirelli e la Biblioteca delle Arti e dello Spettacolo (richiesta la prenotazione al numero tel./WhatsApp +39 320 1637839; ultimo giorno sabato 31, prima della chiusura d’agosto) e il Museo di Casa Siviero (Lungarno Serristori, 1/3, senza bisogno di prenotazione: sabato ore 10-18; domenica ore 10-13; lunedì ore 10-13; negli altri giorni solo piccoli gruppi su prenotazione). Tutti i sabati di luglio alle 11 visite guidate a cura dello staff.

In Palazzo Vecchio, nella Sala dei Gigli, e al Museo Stefano Bardini dal 30 aprile al 29 agosto mostra Beautiful Lies di Ali Banisadr (Teheran 1976, negli USA dall’età di 12 anni), a cura di Sergio Risaliti, organizzata da Mus.e. La mostra mette la sua opera a confronto con l’arte e la storia di Firenze: al Museo Bardini i dipinti dell’artista saranno in dialogo con le opere della collezione creata da Stefano Bardini, con i marmi e le pitture medievali e rinascimentali, con i tappeti persiani e con le rilucenti armature conservate nel museo caratterizzato dal celebre ‘blu’ Bardini, mentre in Palazzo Vecchio, Banisadr è stato invitato a realizzare tre dipinti site-specific, ispirati dalla lettura della Divina Commedia di Dante, evento speciale immaginato dal direttore del Museo Novecento in occasione de i 700 anni dalla morte del Sommo Poeta. Museo Stefano Bardini, via dei Renai 37 (Ponte alle Grazie). Orari: lunedì, venerdì, sabato e domenica ore 11– 17; Museo di Palazzo Vecchio, Sala dei Gigli, Piazza della Signoria. Orari: lunedì, martedì, mercoledì, venerdì, sabato e domenica ore 9– 19; giovedì ore 9– 14. Il biglietto della mostra è incluso nell’ingresso dei rispettivi musei. Informazioni Museo Novecento Piazza Santa Maria Novella 10 | Firenze www.museonovecento.it

Nella Cattedrale dell’immagine del complesso di Santo Stefano al Ponte a Firenze, da sabato 1° maggio torna lo spettacolo digitale immersivo «Van Gogh e i Maledetti»; la mostra sarà aperta fino al 6 settembre, tutti i giorni dalle 11 alle 18, con chiusura della biglietteria alle 17 e prenotazione obbligatoria per il sabato e la domenica (scrivendo all’indirizzo info@vangogheimaledetti.com); le visite prevedono il rispetto della capienza massima di sicurezza della struttura così come delle regole ormai note; tornano gli Oculus VR che, grazie alla loro esclusiva tecnologia, accompagneranno il visitatore in un emozionante viaggio a 360 gradi nell’universo dei pittori maledetti. I biglietti saranno acquistabili presso la biglietteria della mostra e tramite il portale Ticketone. Adulto: 13 euro, studente: 10 euro, over 65: 10 euro, bambino dai 5 ai 12 anni: 8 euro, disabile: ingresso gratuito (accompagnatore 10 euro), famiglia da 4: 34 euro, famiglia da 5: 40 euro, famiglia da 6: 44 euro; gruppi (minimo 10 persone): 9 euro, scuole: 6 euro; Oculus VR: 2 euro.

Palazzo Medici Riccardi (Via Camillo Cavour 3) fino al 24 agosto (tutti i giorni 9-19, mercoledì chiuso. Ultimo ingresso alle h. 18.00; biglietto comprensivo della visita al museo di Palazzo Medici Riccardi; intero € 10 Ridotto € 6 Riduzioni: 18-25 anni; studenti universitari; Ingresso gratuito: 0-17 anni; guide turistiche abilitate; giornalisti accreditati; disabili e loro accompagnatori; gruppi di studenti e rispettivi insegnanti; membri ICOM, ICOMOS e ICCROM. Per tutti i soci Unicoop Firenze è attiva la riduzione 2×1, che consente di accedere alla mostra e all’intero palazzo in due persone con il costo di un solo biglietto) mostra Costumi in scena.  Storie di teatro lirico dal Museo Enrico Caruso. Nel centenario della morte del celebre tenore, vengono esposti per la prima volta i costumi custoditi nell’archivio del Museo di Lastra a Signa, ospitato nella Villa Bellosguardo, che Caruso acquistò nel 1906 e che fu sua dimora sino alla morte, nel 1921. La Villa e il Museo sono attualmente di proprietà dell’Amministrazione Comunale di Lastra a Signa. I costumi proposti, risalenti all’inizio del ‘900, fanno parte di una donazione che ha dato luogo alla nascita del Museo Enrico Caruso. Di fattura ricca e accurata, tutti gli abiti esposti sono stati per l’occasione oggetto di un minuzioso ed esperto restauro, curato dallo Studio Restauro Tessile di Beyer & Perrone, voluto e finanziato dalla Città Metropolitana, che li ha riportati alla loro originaria bellezza. Si tratta di abiti di scena, sei in tutto, indossati da Enrico Caruso e da altri celebri cantanti contemporanei, in varie rappresentazioni. Tra gli abiti indossati dal tenore troviamo quello appartenente a Canio, con colletto di gale plissettate, il cappello di feltro e le decorazioni a coccarda e pon pon, usato ne I Pagliacci di Leoncavallo; la tunica corta in stile egizio, per il ruolo di Radames nell’Aida di Giuseppe Verdi; e ancora la sopraveste di manifattura orientale indossata nei panni di Osaka nella Iris di Mascagni.

La Galleria Poggiali (Via della Scala, 35/Ar) presenta fino al 31 luglio 2021 «Platea dell’umanità», una selezione di 35 opere degli artisti della galleria a 20 anni esatti dalla celebre Biennale del 2001 curata da Harald Szeemann. La mostra sarà visibile dal lunedì al sabato dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19, la domenica su appuntamento; inoltre dalla prossima settimana la selezione sarà disponibile anche online con il tour virtuale sul sito della Galleria Poggiali, all’indirizzo www.galleriapoggiali.com.

Alla Casa Buonarroti (via Ghibellina, 70) mostra  Michelangelo Buonarroti il Giovane (Firenze 1568 – 1647). Il culto della memoria a cura di Alessandro Cecchi, Elena Lombardi e Riccardo Spinelli. Fino al 30 agosto 2021.

Alla Manifattura Tabacchi (via delle Cascine) fino al 19 settembre sarà possibile visitare la mostra-laboratorio Botanica Temporanea. L’arte dei giardini invisibili, a cura dell’architetto e paesaggista Antonio Perazzi, con installazioni che si sviluppano tra il Giardino della Ciminiera e Piazza dell’Orologio che contano 1555 piante e più di 50 specie botaniche.

Nel Palazzo Podestarile di Montelupo Fiorentino, dal 25 giugno al 1 agosto 2021, si tiene la mostra CERAMICA DOLCE. Design e artigianato a Montelupo, che propone le opere realizzate a conclusione dei Cantieri ceramica e design 2020-2021, durante i quali, sotto la direzione artistica di Silvana Annicchiarico, artisti e designer di caratura internazionale hanno prodotto opere e collezioni direttamente presso le botteghe e le aziende del territorio. Nella storia di Montelupo Fiorentino la ceramica ha svolto un ruolo attivo e identitario. Ha inciso sull’economia e sulla qualità indiscussa delle tecniche messe a punto nelle botteghe e trasmesse di generazione in generazione, donando alla città una reputazione legata all’idea di bellezza, al gusto del lavoro ben fatto, alla vocazione per la ricerca e la sperimentazione continue. Dal periodo rinascimentale, in cui Montelupo ha di fatto rappresentato “la Fabbrica di Firenze”, alle esperienze manifatturiere del ‘900, questo territorio ha svolto e svolge un ruolo di primo piano nel panorama internazionale. Il progetto CERAMICA DOLCE ha voluto riprodurre il concetto di Cantiere Artistico. Sette collezioni create dagli artisti ospiti e dalle manifatture, con la collaborazione degli studenti dell’Accademia delle Belle Arti.

Sabato 𝟑𝟏 e domenica 𝟏 alle 𝟐𝟏.𝟏𝟓 a 𝐕𝐢𝐥𝐥𝐚 𝐂𝐚𝐫𝐮𝐬𝐨 – 𝐋𝐚𝐬𝐭𝐫𝐚 𝐚 𝐒𝐢𝐠𝐧𝐚 (𝐅𝐈) in occasione del centesimo anniversario della morte di Enrico Caruso (2 agosto 1921) «Enrico Caruso La potenza della lirica» di Emanuela Agostini, regia Gianfranco Pedullà, con Marco Natalucci, Roberto Caccavo, Marilena Manfredi, Fausto Berti, Eleonora La Pegna, Anita Donzellotti, Matteo Zoppi, Matteo Ferraioli, Edoardo Buresta, Vincenzo Infantino e con i musicisti: Marlene Fuochi, Irene Betti e Francesco Giorgi; voce registrata: Luigi Fiorentino, musiche di Francesco Giorgi, scene di Claudio Pini, disegno luci di Gianni Pollini, collaborazione ai costumi di ITS MITA – Istituto tecnico superiore di Moda di Scandicci, collaborazione tecnica Marco Falai, Giovanna Mastantuoni. Lo spettacolo si fonda sul fascino di Villa Bellosguardo acquistata da Enrico Caruso nei primi anni del Novecento all’apice dei suoi successi artistici; ed utilizzerà molti linguaggi che vanno dalla recitazione alla musica dal vivo e registrata, dalle proiezioni sulle pareti del giardino all’italiana a sofisticati sistemi di illuminazione. Gli ambienti della Villa mettono insieme la vita privata e il genio musicale di Caruso. La trama si concentra sul personale di Villa che appare al pubblico in fermento: il grande tenore Enrico Caruso, neoproprietario della Villa da poco ristrutturata, sta per arrivare. Le loro vicende private si intrecciano alla narrazione delle conquiste artistiche di Caruso, il cui annunciato arrivo non fa che aumentare curiosità e aneddoti intorno alla sua straordinaria biografia artistica e umana. Intanto, dietro le porte chiuse, si consuma il dramma domestico di Caruso, abbandonato dalla donna amata, Ada Giachetti, fuggita a Nizza con l’autista. Sottratto alla vista degli spettatori, ma quanto mai ancora presente, anche grazie alle incisioni della sua voce, racconteremo anche il periodo finale della sua vita: da allora Enrico Caruso assurge a mito. La sua immagine apparirà alla fine in lontananza attraverso un grammofono che ci restituirà la sua voce. Biglietti 12 / 10 euro. Prenotazione obbligatoria 0558721783; info www.tparte.it
Sabato 31 al Castello dell’Acciaiolo di Scandicci si chiude il Florence Folks Festival con “La verità, nient’altro che la verità. Lo giuro!”, il nuovo show della stand up comedian Michela Giraud, reduce dal successo della prima edizione di “LOL. Chi ride è fuori”. Tutti i concerti saranno preceduti da dei dj set.

Alla Badia a Passignano (Tavarnelle Val di Pesa) sabato 31 alle 21.15 l’esilarante e originalissimo «I fiati all’opera», con l’attore-autore Alessandro Riccio e i fiati dell’ORT – Orchestra della Toscana (quintetto di prime parti); musiche di Mozart, Rossini, Bizet, Puccini; ingresso 15 euro, under 18  e soci Amici della Musica Tavarnelle 5 euro; info su www.orchestradellatoscama.it.  Domenica 1° alle 17.30 gli Ottoni dell’ORT sono ospiti del festival Musica sulle Apuane a Campo Cecina con le musiche di Morricone e Piazzolla; al concerto è abbinata l’escursione guidata dal CAI Massa bit.ly/ort-apuane

La bohème con la regia di Ettore Scola

Grande e atteso ritorno de La Bohème al Festival Puccini di Torre del Lago. Sabato 31 alle 21.15 il naturale e suggestivo sipario del Gran Teatro all’Aperto G. Puccini si apre su «La Bohème» con la regia di Ettore Scola, nella ripresa di Marco Scola di Mambro; dirige Enrico Calesso; il poeta Rodolfo è Ivan Ayon Rivas, il pittore Marcello è Kartal Karagedik, il musicista Schaunard è Tommaso Barea, il filosofo Colline è Abramo Rosalen, la ricamatrice Mimì è Polina Pasztircsák e la lorette Musetta è Maria Chabounia. Scenografia imponente e ricca, firmata dal compianto Luciano Riccieri, fedele al periodo storico rappresentato, trattata con sguardo cinematografico, e per questo capace di mediare e travalicare il suo tempo, come i costumi, firmati da Cristina Da Rold

Il Cantiere Internazionale d’Arte, la manifestazione di musica, opera, teatro, danza diretta da Mauro Montalbetti è in corso fino al 1 agosto a Montepulciano e nella Valdichiana Senese. In cartellone per sabato 31 alle 18 la masterclass sul concetto di femminilità ispirata al personaggio di Molly Bloom, del romanzo Ulisse di James Joyce, che si terrà ai Giardini della Fortezza sotto la guida del regista della compagnia il Mulino di Amleto, Marco Lorenzi. Alle 21.30 una nuova opera incentrata sull’abuso di potere nei rapporti di intimità: è “Else”, in prima assoluta al Teatro Poliziano. L’opera di denuncia è stata commissionata dal Cantiere Internazionale d’Arte al compositore Federico Gardella e alla drammaturga Cecilia Ligorio che firma anche la regia del lavoro ispirato alla novella di Arthur Schnitzler “La signorina Else”. Si chiude si conclude domenica 1 con un programma che comincerà dalle 10 nella Chiesa Santa Maria delle Grazie si terrà il concerto d’organo di Michael Borgstedealle 18 al Teatro Poliziano è in agenda la replica di “Else” e alle 21.30, sotto le luci di Piazza Grande, il solenne Concerto di Chiusura con l’Orchestra Poliziana affiancata dal celebre pianista Davide Cabassi, con la direzione di Antonio Greco.

Da sabato 31 luglio a domenica 15 agosto alle 21,30 a Montichiello, Piazza della Commenda, va in scena l’autodramma «Inneschi», per il Teatro Povero di Monticchiello. Prenotazioni dal sito

Per il Grey Cat Festival sabato 31 alle 21.30 al cinema all’aperto Le Ferriere di Follonica si ascolta James Senese Napoli Centrale.

Nell’ambito del Festival Il Ritorno della Sirena, Selma Sevenhujisen accompagna il pubblico in un tour virtuale della Sirena al San Martino a Lucca. La sua presentazione sul rapporto tra la Sirena e il Volto Santo sarà domenica 1 agosto alle 11 nella Volta del Menchi in Barga (parla italiano).