Fiorentina, Commisso: «Vlahovic può essere ceduto solo per 100 milioni». Viola: obiettivo decimo posto

Dusan Vlahovic in azione
(Foto Violachannel)

MARINA DI GIOIOSA IONICA (REGGIO CALABRIA) – Dalla spiaggia di Marina di Gioiosa Jonica, dove trascorre qualche giorno di vacanza con la cugina e altri parenti, Rocco Commisso fa sapere che venderà Vlahovic solo se dovesse arrivare un’offertona da 100 milioni. Aggiunge che la Fiorentina cercherà di non privarsi del suo giovane centravanti – al centro delle mire di diversi club stranieri – ma se dovesse arrivare un’offerta mostre, appunto da un centinaio di milioni di euro, allora, inutile girarci intorno, il patron viola Rocco Commisso ci pensererebbe e, probabilmente, darebbe il via libera alla cessione. In effetti, l’intervento dcel presidente non è fuori luogo, soprattutto di fronte a certi arziggogoli che prevedevano il prestito gratuito del giocatore per 2 anni e il pagamento, a rate, nei 4 anni successivi. Ma siamo impazziti?

A fare la dichiarazione di stop a simili trattative, come detto, lo stesso Commisso dalla spiaggia del suo paese natale, dove domani, 19 agosto 2021, riceverà le chiavi della città dall’Amministrazione comunale. «Al momento – spiega Commisso – questo argomento è davvero difficile da toccare perché neppure io, che sono il presidente, ho risposte certe. L’intenzione è di continuare a tenere a Firenze Vlahovic. Però, qualora dovesse arrivare un’offerta a tre cifre, allora, è inutile nasconderlo, anche perché, ed è giusto ribadirlo specialmente ai fiorentini, la pandemia ha causato danni economici notevoli ai club e quindi anche alla Fiorentina. Per cui, di fronte a certe cifre, non si può voltare le spalle subito tanto per farlo o per fare il presuntuoso».

Più complicato, invece, il discorso per Milenkovic. Commisso si augura che resti anche lui, ma sulla permanenza del difensore pesa il fatto che il suo contratto scade nel 2022 e c’è il rischio di perderlo a parametro zero. In attesa di vedere gli sviluppi di mercato, il patron viola sarà sabato a Roma dove incontrerà la squadra e, soprattutto, vedrà personalmente, per la prima volta, l’allenatore Vincenzo Italiano. Un tecnico che ha già fatto una buona impressione al presidente viola con la prima uscita in Coppa Italia contro il Cosenza. Un tecnico, l’analisi di Commisso, «bravo a far cambiare alla Fiorentina il proprio sistema di gioco e con idee offensive e aggressive molto interessanti». Probabilmente, secondo il patron, «la Fiorentina prenderà qualche gol in più ma riusciremo a segnare più gol dell’anno scorso e a dare più spettacolo». L’obiettivo dichiarato di Commisso è finire il campionato prima del decimo posto. Ai tifosi basterà? Un torneo, il suo pronostico, che sarà nel segno di Juve e Inter, ma con attenzione a Roma e Milan.