Lavoro: Istat, calano gli occupati ad agosto (-80.000) rispetto a luglio 2021

Un’operaio metalmeccanico al lavoro in un’immagine d’archivio. ANSA/GIORGIO BENVENUTI

ROMA – Ad agosto 2021 gli occupati calano di 80.000 unità su luglio mentre crescono di 162.000 unità su agosto 2020. Lo rileva l’Istat spiegando che gli occupati nel mese sono 22.783.000. Il tasso di occupazione ad agosto è al 58,1%, in calo di 0,2 punti su luglio e in aumento di 0,8 punti su agosto 2020 mentre il tasso di disoccupazione è al 9,3%, stabile su luglio e in calo di 0,7 punti su agosto 2020. Gli inattivi crescono su luglio di 64.000 unità.

Nonostante ad agosto 2021 il numero di occupati sia in calo per il secondo mese consecutivo , la forte crescita registrata nei precedenti cinque mesi ha determinato, rispetto a gennaio 2021 un saldo positivo di oltre 430 mila occupati (+420 mila dipendenti). L’Istat sottolinea che rispetto ai livelli pre-pandemia (febbraio 2020) il numero di occupati è inferiore di oltre 390mila unità, il tasso di occupazione e quello di disoccupazione sono più bassi di 0,6 e 0,4 punti rispettivamente, mentre il tasso di inattività è superiore di un punto.

La ripresa economica per quanto riguarda l’occupazione interessa soprattutto gli uomini mentre le donne arrancano: emerge dai dati Istat di agosto secondo i quali gli occupati si sono ridotti di 80mila unità dei quali 68mila donne (con un’incidenza dell’85%) e 11mila uomini. Su base tendenziale su 162mila occupati in più su agosto 2020 ci sono 96mila uomini e circa 67mila donne. Le donne hanno avuto anche una riduzione minore della disoccupazione sull’anno: ad agosto era al 10,7%, 0,1 punti in più su luglio e 0,3 punti in meno sull’anno. Per gli uomini era all’8,3%, stabile su luglio e in calo di un punto su agosto 2020.