Fiorentina: Vlahovic, ipotesi via a gennaio. Viola su Scamacca e Berardi

Dusan Vlahovic
(Foto Violachannel)

FIRENZE – Il gran rifiuto di Dusan Vlahovic, e del suo procuratore, di rinnovare il contratto con la Fiorentina, danno una svolta alle aspettative della società e dei tifosi. L’ipotesi che Vlahovic venga ceduto già a gennaio viene valutata con attenzione. Contemporaneamente, si fanno i nomi dei possibili arrivi: Berardi, Scamacca, il giovane Lucca del Pisa e anche, più staccato, Borja Mayoral.

Rocco Commisso, attraverso i canali ufficiali del club, ha fatto sapere ufficialmente che Dusan Vlahovic non rinnoverà e che non ci saranno altri tentativi per far cambiare idea a lui e al suo entourage. L’unico modo per ricucire, se lo volesse, sarebbe quello di lasciare l’attuale procuratore Darko Ristic e sceglierne un altro da cui farsi assistere. In tal modo potrebbero riprendere le trattative con la società viola per il rinnovo del contratto in scadenza nel 2023, valutando l’ultima proposta presentata da Commisso: ingaggio da 4 milioni di euro subito (contro gli 800.000 ad ora percepiti), 5 (comprensivi di bonus) nei tre anni successivi, clausola rescissoria da 75 e tre milioni di commissioni.

Proposta che l’attaccante serbo, attualmente in ritiro con la sua nazionale e l’agente, hanno rispedito al mittente avanzando nuove e più alte richieste come fanno sapere dal club viola: Vlahovic ha chiesto 5 milioni subito e 6 nei tre anni a seguire, Ristic 5 di commissioni più il 10% sulla futura rivendita. A quel punto Commisso s’è spazientito e ha detto basta, rientrando negli Stati Uniti senza la firma del giocatore, dopo aver spiegato la situazione a tutti, tifosi compresi, molti dei quali hanno condiviso da subito la stessa delusione e rabbia del patron.

Ora mancano quasi tre mesi alla riapertura del mercato e la società viola si trova nelle condizioni di dover muoversi (Berardi già da tempo è in testa alle preferenze ma anche Scamacca è stato seguito a lungo in estate), specie se il centravanti serbo dovesse essere ceduto già a gennaio. Una situazione che Vincenzo Italiano, di nuovo al lavoro dopo due giorni di riposo, dovrà essere particolarmente bravo a gestire, con l’apporto della società, per non compromettere il prosieguo di una stagione che per la Fiorentina è cominciata oltre le aspettative: 5° posto dopo le prime sette giornate e 12 punti conquistati, 4 in più rispetto allo scorso anno. Un problema serio, il mancato rinnovo di Vlahovic. Ma forse anche un’opportunità per colmare le lacune (mancano un difensore centrale forte, un esterno e almeno una punta da 15-20 gol) e costruire una squadra con giocatori che vogliono realmente avere un futuro nella Fiorentina.