Campi Bisenzio: ucciso da auto pirata, donna indagata per omicidio stradale

CAMPI BISENZIO (FIRENZE) – E’ accusata di omicidio stradaloe e omissione di soccorso: per questo una donna di 30 residente in provincia di Pistoia è indagata in stato di libertà. Gli investigatori la ritengono responsabile della morte di Massimiliano Benigno, il 47enne trovato morto in una strada di Campi Bisenzio (Firenze) la notte tra il 10 e l’11 ottobre 2021 scorsi. L’auto che lo aveva travolto era fuggita senza che il conducente si fermasse per prestare soccorso all’uomo investito.

I carabinieri hanno individuato la 30enne visionando le immagini riprese da alcune telecamere delle vie limitrofe a quella dell’incidente e, grazie agli accertamenti effettuati sui frammenti di paraurti trovati vicino al corpo di Benigno. Interrogata dai carabinieri della compagnia di Signa e dalla pm Beatrice Giunti, l’indagata avrebbe ammesso le proprie responsabilità. Avrebbe raccontato agli investigatori di non essersi accorta dell’uomo e per questo di aver frenato all’ultimo momento, senza riuscire ad evitare l’impatto. E avrebbe ammesso di essere fuggita perché colta dal panico.