Fiorentina-Cagliari (oggi, ore 15, Dazn): vincere e basta. Vlahovic: reagisci con i gol. Formazioni

Dusan Vlahovic (Foto Violachannel)

FIRENZE – C’è una strana cappa di malumore che grava su Fiorentina-Cagliari. Una cappa fatta di delusione forte per la sconfitta di Venezia e di rancore per l’atteggiamwnto di Vlahovic e procuratore, arrivati a respingere la principesca offerta di Commisso. Ma la Fiorentina, sul campo, deve far dissolvere questa caligine e ripartire, con i tre punti, verso la posizione di classifica che ha fatto sognare, prima del brusco risveglio nella serataccia in Laguna. Dunque l’imperativo è vincere e basta, di fronte ai 23mila spettatori del Franchi. Poi c’è  la vicenda Vlahovic: il fuoco della contestazione cova sotto la cenere. Non pochi tifosi sono arrabbiatissimi con Dusan e il suo entourage. Non ci sarà nulla durante la partita, a quanto pare. Ma dopo forse sì: soprattutto se la Fiorentina non doivesse vincere e Vlahovic restasse all’asciutto. Ma proprio per questo, sia Italiano che i giocatori devono affrontare il Cagliari col piglio giusto. Potendo contare su un tasso tecnico superiore e un’organizzazione di gioco che ha dato buoni frutti prima di Venezia. Cosa voglio dire? Che va bene prendere l’iniziativa subito, ma occhio a tenere la difesa troppo alta: nel Cagliari ci sono Joao Pedro e Keita Balde che possono far male. Soprattutto in ripartenza. Quanto a Vlahovic, contro il Cagliari (e mercoledì a Roma contro la Lazio) deve pensare solo a far gol. Al resto penserà dopo, insieme al suo procuratore.

GONZALEZ  – Sara’ una Fiorentina che dovra’ gestire un’emergenza in attacco. Italiano, oltre a non poter contare sullo squalificato Riccardo Sottil, non avra’ a sua disposizione nemmeno Kokorin ancora alle prese con i postumi di un affaticamento muscolare. Incredibile vero? Non gioca ed è … affaticato. Scelte obbligate, dunque, con Vlahovic punta centrale, Nico Gonzalez e uno fra Saponara e Callejon come esterni offensivi. A centrocampo out per un problema a una caviglia rimediata in settimana Pulgar, in regia ci sarà Torreira, con Bonaventura, e Duncan, quest’ultimo favorito su Maleh. Fra i convocati torna Castrovilli, ma ancora non sembra aver recuperato del tutto.

 ITALIANO – «Alti e bassi ci stanno in questo periodo, specie quando sei in fase di costruzione, la perfezione ora è di pochissime squadre, noi lavoriamo per raggiungerla, al momento comunque siamo in linea con i rogrammi». Per Vincenzo Italiano il bicchiere è mezzo pieno nonostante la sua Fiorentina sia reduce da due ko di fila e non vinca al Franchi dal 28 agosto contro il Torino (poi due sconfitte con Inter e Napoli) dove domani alle 15 arriverà il Cagliari. «Non dobbiamo mollare ma reagire subito, abbiamo fatto sempre sudare chi ci ha battuto, a livello di identità siamo a buon punto ma servono più furore e concretezza sotto porta – ha spiegato il tecnico – per la sconfitta di Venezia sono deluso e arrabbiatissimo: vincere ci avrebbe dato una classifica strepitosa. Su quanto accade fra Vlahovic e la società non intendo più rispondere, sulle sue prestazioni dobbiamo dargli una grossa mano per dargli qualche pallone in più, sul comportamento dei tifosi – ha risposto Italiano – mi auguro lo stadio sia per 90′ dalla parte della squadra. Ogni tifoseria deve spingere i propri calciatori per tutta la partita poi come a teatro se si apprezza si applaude sennò si fa quello che si vuole».

CAGLIARI – «La Fiorentina finora in casa ha colto solo 3 punti, ma penso che sia un fatto casuale. Ha affrontato avversari di grande valore e comunque gioca bene, domani avrà anche il conforto del sostengo della Curva Fiesole, che sa spingere la squadra come poche altre». Lo ha detto Walter Mazzarri, allenatore del Cagliari, nel corso della conferenza stampa alla vigilia della partita contro la Fiorentina. «Concentriamoci su di noi, dobbiamo percorrere un altro step, cercare di fare il nostro calcio; trovare nuovi meccanismi più fluidi di possesso palla e commettere meno errori tecnici, senza guardare troppo il nome dell’avversario». Il Cagliari si presenta alla trasferta di Firenze senza Diego Godin, il perno della difesa. Un’assenza importante, che si somma a quelle di Dalbert, Ceter e Walukiewicz. Non è partito neppure Oliva per una lieve distorsione alla caviglia rimediata in rifinitura, ma Mazzarri non si spaventa per le assenze. A Firenze vuole fare il risultato. Ma la Fiorentina, dopo Venezia, non può permettersi passi falsi.

Le probabili formazioni

Fiorentina (4-3-3): Terracciano, Odriozola, Milenkovic, Nastasic, Biraghi, Bonaventura, Torreira, Duncan, Callejon, Vlahovic, Gonzalez. All. Italiano

Cagliari (4-4-2): Cragno, Caceres, Ceppitelli, Carboni, Lykogiannis, Nandez, Marin, Strootman, Deiola, Keita, Joao Pedro. All. Mazzarri

Arbitro: Rapuano di Rimini

Diretta tv DAZN ore 15