Meteo Toscana: le previsioni del Lamma per il weekend fino al 29 novembre

FIRENZE – Previsioni meteo poco incoraggianti per il wekend. Ecco le previsioni del Lamma per la Toscana nel prossimo weekend, fino a lunedì 29 novembre. Brutto tempo generalizzato, lunedì 29 migliora.

Venerdì 26 Novembre – Stato del cielo e fenomeni: nuvoloso o molto nuvoloso con piogge e rovesci sparsi; deboli nevicate in Appennino oltre 1500-1600 metri, in calo fino a localmente 1200-1400 metri in serata. Venti: deboli da sud, sud-est, in rinforzo dalla sera e in rotazione a sud-ovest. Mari: mossi, tendenti a molto mossi dalla sera.
Temperature: stazionarie o in lieve aumento in pianura.

Sabato 27 Novembre – Stato del cielo e fenomeni: molto nuvoloso al nord, in particolare rilievi; parzialmente nuvoloso o nuvoloso altrove con ampie schiarite mattutine al sud. Precipitazioni sparse sul nord-ovest (in particolare rilievi) tra l notte e la mattina; successivamente possibili precipitazioni anche sulle zone centrali della regione, in estensione serale alle zone meridionali. Quota neve sull’Appennino intorno a 1200 metri.
Venti: forti di Libeccio sulla costa centro-settentrionale, moderati altrove. Mari: agitati (o localmente molto agitati) a nord dell’Elba, molto mossi a sud. Temperature: stazionarie o in lieve calo in montagna.

Domenica 28 Novembre – Stato del cielo e fenomeni: nuvolosità irregolare, più intensa in mattinata. Possibili precipitazioni sparse, a prevalente carattere di rovescio o breve temporale, più probabili in mattinata sulle zone centro-settentrionali e nel pomeriggio al sud. Neve sui rilievi in abbassamento di quota fino a 600- 700 o localmente e temporaneamente inferiori. Venti: moderati o forti dai quadranti occidentali. Mari: tra molto mossi e agitati.
Temperature: in sensibile calo.

Lunedì 29 Novembre – Stato del cielo e fenomeni: sereno o poco nuvoloso al nord. Parzialmente nuvoloso o nuvoloso al centro-sud con attenuazione della nuvolosità già nel corso della mattina.
Venti: deboli settentrionali. Mari: mossi. Temperature: minime in sensibile diminuzione e localmente inferiori a 0 gradi nelle pianure interne, massime pressoché stazionarie