Firenze: discariche a cielo aperto nei viali Matteotti e Don Minzoni. Palazzo Vecchio e Alia se ne sono accorti?

Sacchi di rifuiti fuori dai cassonetti in via Valori. Quanto deve durare questa situazione? (Foto Firenze Post)

FIRENZE – E’ una vera e propria denuncia, quella che Firenze Post vuol fare: fuori dai cassonetti di alcuni importanti vie di scorrimento di Firenze si stanno accumulando sacchi dell’immondizia, infilati anche sotto le auto in sosta.. La segnalazione arriva da una lettrice che si è preoccupata anche di inviare la foto che pubblichiamo, scattata in via Valori.La signora fa sapere che da più di un mese  il personale di Alia Servizi Ambientali è passato, porta a porta, per lasciare ai residenti la chiavetta A-Pass; nel frattempo, sono stati tolti i vecchi cassonetti dai viali principali,  viale Matteotti , viale don Minzoni, ma non sono stati sostituiti dai nuovi.

Perché? Hanno fatto il gireo del mondo i cinghiali romani. Qui vogliamo vedere in strada topi o altro? Per quanto tempo, si chiede la signoran e noi con lei, dovremo aspettare che Alia sistemi i nuovi cassonetti? Alcuni residenti si sono per così dire “organizzati” andando a gettare la spazzatura nei contenitori presenti nelle vie adiacenti, ma  alcuni abitanti, specie i più anziani, stanno prendendo l’abitudine di non allontanarsi troppo dall’uscio di casa, tanto da deporli dove capita: anche sotto le auto parcheggiate. E alcuni turisti li imitano. Tanto non sono a casa loro.

La lettrice di Firenze Post, ovviamente, ha anche telefonato ad Alia – 199105105 – ma afferma di non aver ricevuto dall’interlocutore nessuna  precisa indicazione. Nessuno le ha saputo dire quando i cassonetti nuovi arriveranno. C’è chi pensa a manifestazioni di protesta clamorose. L’augurio è che non si arrivi a questo. Firenze Post chiede ad Alia e alla giunta comunale d’intervenire rapidamente. Per andare incontro alle giuste richieste dei cittadini e per evitare che l’effetto-discarica si allarghi. E diventi contagioso.

Che dire? Nel frattempo la richiesta dal servizio di tesoreria comunale  di versare entro il 30 aprile la  tassa rifiuti è pervenuta al contribuente con somma tempestività.

Non possiamo non schierarci dalla parte del  cittadino  quando le decisioni degli suoi amministratori  che lo vedono coinvolto  gli volano  sopra la testa. Specie se, come  in questo caso, le decisioni hanno a che fare con il decoro urbano e con  la salute pubblica. E l’arrivo della stagione calda non potrà che peggiorare la situazione.

One comment

  1. Stessa situazione in via F. Confalonieri, e stesse telefonate di sollecito fatte da me e da mia moglie senza risposte certe, con il risultato di dover percorrere centinaia di metri per gettare la differenziata in cassonetti con chiavetta già stracolmi.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.