Lavoro: posti a chiamata in forte aumento (+168%) in alberghi e ristoranti

ROMA – Nonostante il disastro causato, per le chiamate al lavoro, dal reddito di cittadinanza grillino, nel primo trimestre 2022 le posizioni di lavoro a chiamata o intermittenti sono 228 mila unita’, con una crescita dell’86,7% rispetto all’anno precedente e pesano per l’1,7% dell’occupazione complessiva.

Una quota che sale al 10% in alberghi e ristoranti ed e’ raddoppiata nell’ultimo anno.
Le posizioni a chiamata crescono, del resto, “in misura rilevante” in tutti i settori, ma l’incremento e’ particolarmente accentuato nel settore degli alberghi e ristoranti, dove la crescita supera il 168%, dopo il crollo nelle fasi piu’ acute della pandemia. Aumenti “marcati” si registrano anche nei servizi sociali e personali, con una crescita tendenziale del 73,1%.

In alberghi e ristoranti, l’aumento dell’occupazione a chiamata si associa a quello delle ore di lavoro pro-capite (+22,8% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente), che tuttavia rimangono ben al di sotto della media registrata per questa tipologia contrattuale (7,8 in media settimanale).

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *