Semplificazioni fiscali: via libera dal Consiglio dei ministri. Aumento assegno figli disabili e proroga scadenza Imu 2022

ROMA – Via libera del consiglio dei ministri al decreto legge sulle semplificazioni fiscali. Oltre al provvedimento che allunga i tempi per l’utilizzo dell’Ecobonus auto, approvata una maggiorazione dell’ assegno unico per i nuclei con figli disabili. L’intervento modifica la norma esistente, relativamente ai figli con disabilità e “limitatamente all’anno 2022”. In particolare, gli importi della maggiorazione su base mensile per i nuclei con almeno un figlio a carico con disabilità sono “incrementati di 120 euro per l’anno 2022”. “Con il dl semplificazioni due misure necessarie per le famiglie: il rafforzamento dell’assegno unico e universale per i figli disabili, con una norma che dal governo abbiamo voluto e raggiunto grazie all’ottima collaborazione con la ministra Stefani, e il rifinanziamento dei centri estivi con 58 milioni, per dare continuità a una misura che ho voluto dal 2020”, ha commentato la ministra per la famiglia e le pari opportunità Elena Bonetti.

Per quanto riguarda il fisco si permette la completa dematerializzazione delle scelte di destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille all’atto della presentazione del modello 730. Vengono semplificate la procedura relativa alla modifica del domicilio fiscale e quella per l’erogazione dei rimborsi fiscali spettanti agli eredi. Il Caf o il professionista non dovranno piu’ conservare i singoli documenti relativi alle spese sanitarie.
Il testo introduce semplificazioni normative per la redazione dei bilanci delle micro-imprese e per la gestione degli errori contabili; sono semplificate le modalita’ di deduzione dal valore della produzione IRAP dell’intero costo relativo al personale dipendente a tempo indeterminato.

Vengono inoltre ampliati i casi di esonero dalla presentazione del cosiddetto “esterometro”, il documento per la comunicazione dei dati delle operazioni transfrontaliere, non piu’ richiesto per le singole operazioni di importo inferiore a 5.000 euro.
E’ semplificato il monitoraggio fiscale sulle operazioni di trasferimento di denaro attraverso intermediari bancari e finanziari, con l’invio delle relative comunicazioni all’Agenzia delle Entrate per operazioni di importo pari o superiore a 5.000 euro

Sono semplificati i modelli di dichiarazione IMU per gli enti non commerciali e viene esteso al 31 dicembre 2022 il termine per la presentazione della dichiarazione sull’IMU. Per evitare la proroga automatica delle precedenti addizionali comunali Irpef, queste sono allineate e adeguate ai nuovi
scaglioni previsti dalla riforma dell’imposta. Sono estesi al 2022 i correttivi in materia di Indici Sintetici di Affidabilita’ fiscale, previsti per il 2020 e il 2021 alla luce degli effetti della pandemia sull’economia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.