Firenze: al Teatro del Maggio Zubin Mehta chiude il Ciclo Beethoven con l’Ottava e la Nona sinfonia

Mehta con Orchestra e coro del Maggio nel concerto per la città dello scorso 13 luglio

FIRENZE – L’inarrestabile direttore emerito Zubin Mehta  torna venerdì 9 settembre alle 20 al Teatro del Maggio per dirigere il Coro e l’Orchestra del Maggio per il terzo appuntamento sinfonico della stagione 2022-2023, che recupera finalmente l’ultimo appuntamento del Ciclo Beethoven: il concerto era previsto per il 5/12/2020, ma c’era il primo lockdown, poi era previsto il 4/01/2022, ma ci fu l’impennata di casi che fece postare tutti gli spettacoli di nuovo e così, quasi due anni dopo, si ascoltano le ultime due sinfonie di Ludwig van Beethoven: l’Ottava, scritta nell’estate del 1812 e presentata per la prima volta a Vienna nel 1814, e la celeberrima Nona, dalla gestazione più che decennale, che debuttò il  7 maggio 1824. Entrambe sono state dirette innumerevoli volte da Mehta, che del genio di Bonn è uno dei più autorevoli e acclamati interpreti. In quest’occasione, così come nei precedenti appuntamenti del Ciclo Beehtoven, il concerto sarà registrato per poi infine essere inciso in disco, prossima uscita della ricca collezione del Maggio in CD.

I solisti sono Mandy FredrichMarie-Claude Chappuis e AJ Glueckert, che tornano al Maggio dopo il concerto del 13 luglio sempre diretto dal maestro Mehta in omaggio alla Città di Firenze e che inoltre sono stati protagonisti delle due tappe conclusive del tour estivo del Maggio a Macerata, per l’inaugurazione del Macerata Opera Festival, e a Marbella per il primo concerto sinfonico ospitato nella rinnovata arena, e Tareq Nazmi, al suo debutto assoluto sulle scene fiorentine. Il maestro del Coro del Maggio è Lorenzo Fratini

Visibilità limitata e ascolto: 15€ Galleria: 25€ Palchi: 35€  Platea 4: 45€  Platea 3: 60€  Platea 2: 80€  Platea 1: 100€, in vendita anche sul sito del Maggio. Pochissimi posti rimasti (anche se il concerto è in sala grande, con orchestra e coro disposti sul proscenio, mentre sul palco, di giorno, proseguono i lavori)

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.