Ucraina: Kiev di nuovo al buio. Nato conferma appoggio incondizionato a Zelensky

Soldati ucraini nel , Donetsk (Photo by Anatolii Stepanov / AFP)

KIEV –  La situazione rimane critica a Kiev. La capitale è di nuovo al buio a partire da oggi: la società per l’energia elettrica ucraina Dtek ha annunciato questa mattina la ripresa delle interruzioni della corrente. “A partire da oggi a Kiev riprendono le interruzioni della corrente di emergenza, si sta facendo tutto il possibile per garantire l’elettricità a ciascun utente per 2-3 ore due volte al giorno. I programmi di blackout per la stabilizzazione non funzionano”, ha reso noto Dtek, citata da Unian. “Non appena riusciremo a riequilibrare la situazione, torneremo al piano a orari”, ha aggiunto la società. I blackout riprendono nella capitale per la prima volta dal 23 novembre.

“Sosterremo l’Ucraina fino alla fine, non arretreremo. La guerra di Putin non ci ha fatto dimenticare altri partner, come Georgia, Moldova e Bosnia-Herzegovina. Che sosterremo, in modo che possano difendersi”, ha detto il segretario della Nato Stoltenberg.

Che ha aggiunto: “Il presidente Putin sta fallendo nella sua brutale guerra di aggressione. E sta rispondendo con maggiore brutalità. Vediamo un’ondata dopo l’altra di attacchi missilistici deliberati contro città e infrastrutture civili: case, ospedali e reti elettriche. È terribile per l’Ucraina”.

E ancora: “Se lasciamo che Putin vinca, tutti noi pagheremo un prezzo molto più alto, per molti anni a venire. Perché la lezione appresa dal Presidente Putin e da altri leader autoritari sarebbe che possono raggiungere i loro obiettivi usando la forza bruta. Quindi saranno incoraggiati a usare ancora di più la forza. Questo renderà il nostro mondo più pericoloso. E tutti noi più vulnerabili”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *