Articoli sul tema ‘Dybala’

Trionfa la squadra di Inzaghi

Supercoppa italiana: Juventus umiliata a Riad (3-1) dalla Lazio. Che alza il trofeo. Pagelle

di Paulo Soares - - Cronaca, Sport

La Lazio vince la 32esima edizione della Supercoppa italiana battendo 3-1 la Juventus al King Saud University Stadium di Riad, in Arabia Saudita. I biancocelesti, al quinto successo nella competizione, passano in vantaggio al 16′ con Luis Alberto, allo scadere il pari bianconero con Dybala. Nella ripresa, minuto 73, il gol firmato dal capitano Lulic, nel recupero il definitivo 3-1 firmato da Cataldi

Gol al 93'

Juve vince a Mosca (1-2) con magìa di Douglas Costa. Qualificata per gli ottavi. Pari Atalanta

di Paulo Soares - - Sport, Top News

Magìa di Douglas Costa al 93′ e la Juventus vince a Mosca contro il Lokomotiv e si qualifica con due turni di anticipo agli ottavi di finale di Champions. Il primo gol era stato segnato da Ramsey al 4′. La classifica del gruppo D vede i bianconeri salire a 10 punti, ferma a 3 la Lokomotiv terza mamatematicamente fuori dai primi due posti. Completano il girone Atletico Madrid e Bayer Leverkusen

L'allenatore viola non nasconde la voglia del colpaccio

Juventus-Fiorentina (mercoledì ore 20,45): Pioli ha fatto un sogno…. Subito Gil Dias? Formazioni

di Ernesto Giusti - - Sport

«La Juve ha pochi punti deboli – dice il tecnico – ma io credo sia lecito provarci. Più alleno la Fiorentina è più mi piace. Se c’è una partita in cui bisogna andare oltre le nostre capacità è questa. Dovremo giocarla con capacità e coraggio, attenti a non fare errori»

Viola in vantaggio con Ilicic (rigore), ma ripresi e superati dai gol di Cuadrado, Mandzukic e Dybala

Fiorentina battuta dalla Juve (3-1) ma esce a testa alta e resta seconda. Arbitro da bocciare. Pagelle

di Sandro Bennucci - - Primo piano, Sport

Buona prestazione della squadra di Sousa che nel primo tempo mette paura alla Juve (come a Napoli…). Errori determinanti di Tatarusanu che sui fa sorprendere sul pari del colombiano ex viola e si lascia sfuggire il pallone del raddoppio bianconero. Un direttore di gara da evitare. Ma la corsa continua